mercoledì, Giugno 23

Costa Rica, Governo Solìs criticato e attraente field_506ffb1d3dbe2

0
1 2


Nonostante le critiche, Costa Rica è tra i Paesi dell’America Latina che più sta vedendo crescere la propria economia, tanto da essere diventata un partner commerciale di interesse anche per l’Unione Europea.
A questo proposito proprio in questi giorni il Presidente Solìs sta viaggiando in Europa con tappe previste presso il Regno Unito, l’Italia e lo Stato del Vaticano.
In Italia in particolare Solìs -arrivato oggi- è stato ricevuto dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella con cui ha affrontato i importanti temi riguardanti la cooperazione giudiziaria penale tra i due Paesi, la lotta al cambiamento climatico e alla povertà e tematiche inerenti i diritti umani e la sicurezza.
Un occhio di riguardo, però, andrà tenuto sulle tematiche economiche in trattazione. La Costa Rica, infatti, presenta un’economia in crescita che si modernizza costantemente, essendo basata principalmente sul settore delle tecnologie informatiche di comunicazione. La richiesta di entrare a far parte dell’OSCE da parte di questo Paese ha dato esiti più che positivi nella valutazione soprattutto della stabilità. Moltissime aziende di servizi corporativi, tra cui ad esempio Amazon e Bayer, hanno fatto del territorio costaricano un luogo strategico in cui insediarsi. L’8% delle esportazioni del Costa Rica sono dirette verso l’Unione Europea, di questo 8% la metà è destinata all’Italia.
Importanti compagnie manifatturiere europee hanno spostato la propria sede in questo Paese latinoamericano, che a sua volta sta ottenendo ottimi risultati anche nel campo delle scienze umane e più recentemente in quello dell’astronautica.

Se a tutti questi successi si unisce il fatto che il ‘Prosperity index’ del 2015, del Legatum Insitute, ha inserito questo Paese al terzo posto tra gli Stati latinoamericani con più prospettiva di crescita economica e stabilità, non sarà difficile comprendere che nel prossimo futuro questo piccolo Stato privo di Esercito sarà un partner economico strategico per l’Europa, ma anche per gli Stati Uniti.
L’Italia e l’Europa intera dovrebbero porre più attenzione al progresso che sta affrontando il Costa Rica e sfruttare l’occasione della visita del Presidente Solìs per ribadire il legame con questo Paese e, eventualmente, cominciare a creare dei canali che permettano di stabilire delle relazioni imprenditoriali forti.

Critiche interne, quindi, per il Presidente Solìs che però, con o senza merito, sta rappresentando uno dei Paesi latinoamericani con un tasso di crescita economica più alto rispetto alla media dell’area e con prospettive di crescita decisamente interessanti.
L’Europa ha, in questi giorni, la possibilità di affacciarsi sull’America latina in modo costruttivo, e Solìs può dimostrare di saper prendere quelle decisioni e creare quelle condizioni favorevoli per lo sviluppo del suo Paese che i critici gli contestano di non aver preso e creato fino ad ora. In queste settimane verrà giocata una partita molto importante sul piano economico ma anche politico per il Presidente della Costa Rica e, forse, dopo questo viaggio le valutazioni sul suo operato potranno migliorare.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->