venerdì, Settembre 24

Costa d'Avorio primo produttore mondiale di anacardi field_506ffbaa4a8d4

0

Leader mondiale nella produzione di cacao, Costa d’Avorio, raggiunge il primato anche nell’esportazione mondiale di anacardi, superando l’India. Il Presidente, Alassane Ouattara, vuole raggiungere risultati da capogiro, entro il 2020, per fare del Paese, praticamente, il solo produttore, in Africa, di anacardi.

Questo grande obiettivo significherà, indubbiamente, più posti di lavoro e più denaro per l’economia ivoriana. Il Paese, inoltre, è stato recentemente classificato come destinazione preferita per gli investitori in Africa.
Questa spinta commerciale per la Costa d’Avorio arriva pochi mesi dopo la sospensione del divieto imposto alll’esportazione di anacardi, un tentativo maldestro per migliorare il settore della trasformazione locale. Le proteste di molti parlamentari e agricoltori di anacardi ha fatto sì che il divieto fosse sospeso e che il Ministero revocasse la propria decisione.
Il Ministero del Commercio, tuttavia, ha detto che saranno presto messe in atto alcune misure di razionalizzazione del settore anacardi.

Intanto il Paese sta rafforzando anche la produzione di cacao, aggiungendo valore alle materie prime del paese e incrementando la creazione di più posti di lavoro. In crescita anche il settore energetico: la Costa d’Avorio ha recentemente incrementato la produzione di energia elettrica, con la costruzione di una nuova centrale termica del valore di 343 milioni di euro, con cui potrà produrre più energia rispetto alle sue esigenze e, così, potrà anche rifornire i Paesi confinanti.

(Video tratto dal canale Youtube: Africa news)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->