martedì, Maggio 11

Cos’è la bomba H? La Corea del Nord potrebbe decidere di lanciarla dopo le minacce del Presidente americano

0

La Corea del Nord potrebbe decidere di lanciare una bomba H. Lo ha affermato il Ministro degli Esteri Ri Yong-ho questa mattina. «Potrebbe essere la più potente detonazione di una bomba H nel Pacifico, tutto dipende dagli ordini dal leader Kim Jong-un». Il leader ha già dichiarato di voler «considerare azioni più forti in risposta alle minacce del Presidente Usa Donald Trump di distruggere la Corea del Nord». «Kim Jong Un della Corea del Nord, che e’ ovviamente un pazzo cui non dispiace affamare o uccidere il suo popolo, sara’ messo alla prova come mai prima!». Questo il tweet minaccioso di Donald Trump in risposta alle nuove minacce nordcoreane.

Le tensioni dovute ai test missilistici e al sesto test nucleare effettuato dalla Corea del Nord, hanno riportato l’attenzione su un tipo di ordigno chiamato bomba H. La bomba H, o bomba a idrogeno, è l’evoluzione della bomba atomica sganciata il 6 e il 9 agosto del 1945 su Hiroshima e Nagasaki dagli Usa.

Funziona con una reazione a fusione termonucleare incontrollata non molto diversa da quella che avviene all’interno del Sole, seguendo un processo alternato di fissionefusionefissione. Esistono delle differenze tra la bomba A e la bomba H. Gli esperti dicono che la differenza sostanziale tra una bomba a idrogeno e una bomba atomica sia nel processo di detonazione. Le bombe H sono molto più potenti delle bombe atomiche. Quando la bomba a fissione presente nella parte più interna esplode, innesca la fusione termonucleare dei nuclei degli atomi leggeri dello strato intermedio, che provoca a sua volta la fissione nucleare del materiale più esterno. La bomba atomica tradizionale, invece, si basa sul processo di divisione a catena del nucleo atomico di un materiale fissile, come l’uranio 235 o il plutonio 239.

Come la bomba A, la H può essere installata su diversi sistemi: aerei, missili balistici e missili lanciati da sottomarini, ma a differenza della bomba A non è mai stata impiegata in operazioni belliche. La tecnologia della bomba a idrogeno è più sofisticata, più potente e anche più costosa.

Nel caso in cui esplodesse una bomba H, le conseguenze catastrofiche sarebbero quattro: un’onda di calore che arriva fino a 20 milioni di gradi centigradi in corrispondenza del punto di detonazione, un’onda d’urto, l’emissione di radiazioni e il cosiddetto effetto EMP (Electro Magnetic Pulse), ovvero la produzione di radiazioni elettromagnetiche.

Ma quando è nata la bomba a idrogeno? Il padre della bomba H fu Edward Teller, che nel 1946, nel corso di un incontro scientifico a Los Alamos, si dichiarò favorevole alla sua realizzazione. Pochi anni dopo, nel 1950, proprio a Los Alamos, un gruppo di studiosi, guidato da Teller, iniziò a lavorare ad un programma per la costruzione della bomba a idrogeno su richiesta del presidente statunitense Harry Truman. La prima bomba H fu sperimentata nel novembre del 1952, mentre l’Unione Sovietica sperimentò il suo primo ordigno nell’agosto dell’anno successivo e, nel 1961, fece esplodere la più potente bomba mai realizzata che sprigionò un’energia pari a 3.125 volte la bomba a fissioneLittle Boy‘ lanciata su Hiroshima.

Seguirono, poi, il Regno Unito, la Cina e la Francia rispettivamente nel 1957, nel 1967 e nel 1968. I primi test nucleari della Corea del Nord, effettuati dal 2006 al 2013, sono stati tutti su bombe atomiche di circa la stessa scala di quelle utilizzate a Hiroshima e Nagasaki, che hanno ucciso più di 200.000 persone. Tuttavia, l’ultimo test è stato effettuato su una bomba a idrogeno di circa 100 kilotoni più potente dell’atomica. Ma costruirne una è difficilissimo, perché ricreare le condizioni del sole, all’interno della bomba H, è possibile solo se si riesce ad innescare un’esplosione di fissione nucleare.

In altre parole, è necessario costruire una bomba atomica per potere dare vita ad una bomba a idrogeno. Quindi, anche se le condizioni per realizzarne una sono quasi impossibili da mettere in pratica, non è detto che la Corea del Nord non potrebbe riuscire nel suo intento.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->