lunedì, Giugno 27

Cosa si può fare quando siamo al mare e piove Andiamo a vedere alcune delle attività che si possono fare, nel caso – si spera sempre che non avvenga – iniziasse a piovere durante le ferie al mare

0

L’estate è ormai alle porte, ma guardando alle temperature si può dire che ormai la stagione più calda dell’anno sia già arrivata. Per i più piccoli le scuole si sono chiuse da circa dieci giorni, per i ragazzi ci si avvicina al periodo degli esami di terza media, maturità e universitari e per i più grandi, invece, arriva il momento di programmare le ferie dal lavoro.

In questo momento tutti cercano un po’ di relax dopo un duro anno di studio o lavoro, un momento per staccare la spina dalla vita quotidiana e attaccare quella per ricaricare le batterie in vista dei tanti impegni che ci accompagneranno da settembre in poi.

Sono molte le attività che si possono fare in questi mesi. C’è chi preferisce concedersi una vacanza in una città d’arte, chi andare in montagna a fare escursioni o a rinfrescarsi al lago, o chi invece sceglie la tradizionalità delle ferie al mare. Ed è proprio su queste che ci concentreremo oggi.

Nello specifico, andremo a vedere alcune delle attività che si possono fare, nel caso – si spera sempre che non avvenga – iniziasse a piovere. Ovviamente, a quasi nessuno piace ritrovarsi chiuso in casa o in hotel quando si hanno pochi giorni disponibili per rilassarsi. Quindi cosa si può fare? Le alternative sono diverse, dallo shopping, alle attività ricreative o al semplice svago con lo smartphone, magari con i giochi online offerti dai casino non AAMS.

Come detto, una delle attività che possiamo fare in vacanza nel caso scendere la pioggia, è andare a fare shopping. O quanto meno – nel caso in cui non si voglia passare la giornata a spendere soldi – visitare i mercati e i negozi del Paese in cui ci si trova.

Talvolta si possono scoprire tante curiosità e chicche e, nel caso in cui ci si trovi in piccoli centri, potrebbe essere un modo sia per conoscere meglio i luoghi in cui stiamo trascorrendo le nostre ferie – grazie a negozi caratteristici – sia per tuffarsi ancora di più nell’atmosfera che ci circonda.

E a proposito di quel che si trova intorno a noi, un modo per conoscere meglio il territorio è sicuramente visitare i musei, o semplicemente esplorare i paesini o i borghi che circondano la località marittima. In questo caso bisogna avere un po’ di spirito avventuriero, ma immergersi nel passato di quei posti tanto in voga in estate potrebbe essere un modo alternativo per svagarsi col maltempo.

Ovviamente in questo contesto le attività sono illimitate, dipende solo dalla propria volontà e soprattutto dal viaggio che si vuole intraprendere. In merito al percorso storico, nel caso non foste dei grandi passeggiatori, un’ottima alternativa potrebbe essere legata al turismo gastronomico.

L’Italia ha la fortuna di essere un luogo storico dal punto di vista antropologico, ma anche da quello culinario. Ogni posto ha le proprie ricette che, attraversando i secoli, ci portano a scoprire e riscoprire i gusti locali.

E se proprio la pioggia vi blocca del tutto e non volete nemmeno prenderne una goccia, rimanendo all’asciutto nella vostra casa o camera d’albergo, allora si può sfruttare uno strumento a portata di mano di tutti: il nostro smartphone.

Sono diverse le attività che si possono svolgere con il telefono: dalla lettura di libri, ai giochi tradizionali o a quelli dei casinò online, per provare a sfruttare i tempi noiosi per sfidare la sfortuna. I siti in questione sono tanti e differenti e per questo motivo bisogna tenere gli occhi aperti, perché si deve sempre diffidare dei casinò senza licenza.

Ora non resta che chiudere i bagagli, partire per il vostro viaggio e sperare che non piova. E nel caso accadesse, adesso saprete che cosa fare.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->