lunedì, Maggio 16

Cosa può fare l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite per l’Ucraina L'Assemblea generale delle Nazioni Unite avvia una sessione speciale di emergenza sulla guerra in Ucraina. I membri delle Nazioni Unite, e in particolare quelli provenienti dall'Africa, dall'Asia e dall'America Latina, dovrebbero sfruttare questa opportunità per condannare l'aggressione russa e adottare misure per contenere e ridurre l'escalation del conflitto. L’appello di Crisis Group

0

L’Assemblea generale delle Nazioni Unite terrà una sessione speciale di emergenza sulla guerra in Ucraina questa settimana, a partire da oggi. Questo è potenzialmente un momento chiave per tutti i membri delle Nazioni Unite per condannare l’aggressione russa, chiedere l’immediata cessazione delle ostilità e riaffermare l’integrità territoriale dell’Ucraina. L’Assemblea Generale deve inviare un messaggio chiaro a sostegno dell’Ucraina e in particolare i membri africani, asiatici e latinoamericani dovrebbero far sentire la loro voce.

La sessione dell’Assemblea generale di questa settimana segue la prevedibile decisione della Russia di bloccare una risoluzione del Consiglio di sicurezza che deplora le sue azioni venerdì scorso. Domenica 27 febbraio il Consiglio ha approvato una risoluzione procedurale – con undici voti favorevoli, tre astensioni e il no della Russia (la Russia non poteva porre il veto al testo secondo le regole dell’ONU) – chiedendo all’Assemblea Generale di riunirsi in linea con il ma usava raramente la formula “Uniting for Peace”. Creato nel 1950 durante la guerra di Corea, questo permette all’Assemblea di formulare “appropriate raccomandazioni” sulle risposte collettive alle crisi di sicurezza nei casi in cui il Consiglio di Sicurezza non può agire “per mancanza di unanimità dei membri permanenti”. Sebbene non siano ancora giuridicamente vincolanti, queste raccomandazioni hanno un peso simbolico maggiore rispetto alle normali risoluzioni dell’Assemblea Generale.

Gli Stati Uniti e i loro alleati europei sono stati importanti nel chiedere una riunione dell’Assemblea Generale. Eppure i paesi non occidentali predominano nell’Assemblea, e sono i loro voti che faranno la differenza tra il successo diplomatico e il fallimento. C’è qualche motivo di speranza. Durante i dibattiti del Consiglio di sicurezza della scorsa settimana, sono stati i rappresentanti del Sud del mondo a offrire gli interventi più convincenti. Gli stati non occidentali farebbero bene a fare riferimento alla dichiarazione del rappresentante permanente del Kenya al Consiglio di sicurezza di lunedì 21 febbraio, che ha tracciato parallelismi tra la difficile situazione dell’Ucraina e la “dominazione e oppressione” affrontate dagli stati africani dalle potenze coloniali. Anche il rappresentante permanente del Messico, un altro membro eletto del Consiglio, ha paragonato la situazione alla propria storia di invasioni da parte di potenze straniere.

Come hanno chiarito Kenya e Messico – e gli altri membri del Consiglio, tra cui Gabon, Ghana e Brasile, hanno affermato nei discorsi della scorsa settimana – la guerra in Ucraina non è solo una questione di sicurezza europea. Le azioni della Russia calpestano due principi alla base della Carta delle Nazioni Unite: l’uguaglianza sovrana dei suoi Stati membri e il divieto di minaccia o uso della forza nelle relazioni internazionali. Come hanno fatto altrove, anche le operazioni militari russe sembrano aver trasgredito il diritto umanitario internazionale, compresi i suoi requisiti per la protezione dei civili, e gli Stati Uniti hanno inviato al Consiglio per i diritti umani ciò che secondo Washington è una prova dei piani russi di imprigionare o uccidere i leader ucraini .

In una serie di crisi, molti del Movimento dei Paesi non allineati (NAM) alle Nazioni Unite, che comprende circa 120 stati non occidentali, hanno accusato gli Stati Uniti e i loro alleati di utilizzare il diritto internazionale umanitario e dei diritti umani per superare le norme di base di sovranità e di non uso della forza. In questo caso, non esiste una tale dicotomia. La Russia viola chiaramente i suoi obblighi in tutte queste aree, oltre ad alzare incautamente lo spettro dell’uso delle armi nucleari nella sua retorica. I membri del NAM e tutti i membri dell’ONU dovrebbero condannare le azioni di Mosca contro le regole e i principi che sono alla base dell’organizzazione. L’incapacità di farlo può solo indebolire tali regole e principi, incoraggiare altri che potrebbero seguire le orme della Russia altrove e rendere molto più difficili gli sforzi delle Nazioni Unite per contenere tale comportamento.

Sebbene l’Assemblea generale non abbia il potere del Consiglio di sicurezza di imporre sanzioni vincolanti o altre misure coercitive ai sensi del Capitolo VII della Carta delle Nazioni Unite, tuttavia può e dovrebbe contribuire a galvanizzare la pressione globale per invertire l’aggressione russa e aiutare le sue vittime:

Incoraggiare il Segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres a offrire qualsiasi forma di competenza diplomatica o tecnica (potenzialmente inclusa la nomina di un rappresentante speciale) necessaria per far avanzare i colloqui di cessate il fuoco e l’accesso umanitario alle aree colpite dal conflitto.

Raccomandando agli Stati membri delle Nazioni Unite di applicare sanzioni temporanee ed eccezionali contro la Russia. Molti membri del NAM diffidano delle sanzioni, ma l’Assemblea può mitigare alcune di queste preoccupazioni se la risoluzione anche: (i) propone la creazione di un registro per gli stati per registrare le sanzioni contro la Russia, per aumentare la trasparenza; e (ii) esorta gli stati a impegnarsi a porre fine a tali sanzioni tempestivamente se la Russia cessi le ostilità e in modo verificabile ritiri le sue forze dall’Ucraina.

Incaricare una commissione d’inchiesta di raccogliere prove di crimini di guerra e altre atrocità durante i combattimenti, come deterrente contro le atrocità sul campo di battaglia e per contrastare la disinformazione e la disinformazione sulla guerra. L’Assemblea sarebbe saggia, tuttavia, evitare qualsiasi riferimento a procedimenti penali internazionali contro leader militari o civili russi, un’idea che potrebbe indurli a credere che il loro interesse personale nel conflitto sia esistenziale e rendere più difficile la riduzione dell’escalation.

Chiedere al presidente dell’Assemblea generale di nominare un inviato di alto livello – come un ex capo di stato – che agisca come rappresentante dell’organismo per l’assistenza umanitaria all’Ucraina e ai rifugiati ucraini, a sostegno del lavoro che le agenzie delle Nazioni Unite stanno già intraprendendo.

Chiedendo l’evacuazione sicura, protetta e ordinata dall’Ucraina dei cittadini stranieri, compresi i lavoratori e gli studenti africani e asiatici, che cercano di andarsene. Ci sono state segnalazioni di funzionari ucraini che hanno discriminato i residenti africani che cercavano di salire su autobus e treni per fuggire.

Invitando la Russia ad abbassare il livello di allerta nucleare e ricordando a tutti i membri del P5 la loro dichiarazione del gennaio 2022 all’ONU che “una guerra nucleare non può essere vinta e non deve mai essere combattuta”.

Riaffermando i principi di base della sovranità e del non uso della forza nella Carta delle Nazioni Unite.

Nessuna di queste azioni porrà fine alla guerra di per sé. Né l’Assemblea Generale né il sistema delle Nazioni Unite nel suo insieme hanno la leva per imporre la pace alla Russia. Ma l’Assemblea può, attraverso le sue parole e risoluzioni, chiarire che la maggioranza dei membri delle Nazioni Unite rifiuta ciò che ha fatto Mosca, sosterrà gli sforzi di pacificazione e sarà pronta ad aiutare le vittime di questa guerra tragica, inutile e pericolosa.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->