mercoledì, Settembre 22

Cosa possiamo definire terrorismo?

0

L’uso del termine terrorismo è divenuto oggi davvero inflazionato, tanto da rendere i contorni del concetto stesso sempre più sfumati e imprecisi. E dunque cosa è esattamente terrorismo? Quale potrebbe essere una buona definizione di terrorismo?

Se andiamo a vedere una delle prime definizioni, con il termine terrorismo si definiscono azioni criminali violente premeditate ed atte a suscitare clamore come attentati, omicidi, stragi, sequestri, sabotaggi, dirottamenti a danno di collettività o enti quali istituzioni statali e/o pubbliche, governi, esponenti politici o pubblici, gruppi politici, etnici o religiosi.

Ma anche questa può rendere meglio il senso: terrorismo come l’indurre un senso di paura diffuso, più o meno giustificato, per mezzo di atti violenti, o di dichiarazioni che minacciano il ricorso alla violenza, contro bersagli non combattenti, che hanno lo scopo precipuo di perseguire vantaggi o obiettivi politici. Grazie a questa definizione infatti si riesce a differenziare tra guerriglia e terrorismo. Ma in realtà ogni definizione, seppur esaustiva, viene sempre messa in discussione dagli esperti. Così come il retroterra culturale e le cause che portano ad atti terroristici o a diventare dei terroristi.

In questo video della ‘Cnn‘, si prova a fare un pò di chiarezza sul cosa è terrorismo e su quegli eventi che possiamo realmente definire atti terroristici.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->