martedì, Ottobre 26

Cosa e quali sono i missili intercontinentali Sono una combinazione di due o più razzi, montati uno in cima all’altro, in modo da funzionare per stadi di accensione

0
Il dittatore nordcoreano Kim Jong-un continua con i suoi propositi e ci si aspetta da un momento all’altro un nuovo test nucleare o il lancio di un missile intercontinentale. Ma cosa sono i missili intercontinentali?
Convenzionalmente si considera missile balistico intercontinentale, un vettore in grado di trasportare un carico utile, una testata convenzionale od una nucleare miniaturizzata ad oltre 5.500 km di distanza. 
I missili balistici intercontinentali (Icbm) sono una combinazione di due o più razzi, montati uno in cima all’altro, in modo da funzionare per stadi di accensione. Il primo stadio infatti avvia i propri motori e una volta coperto parte del percorso, si stacca dal resto del razzo, permettendo al secondo e così via ai successivi stadi di accendersi e raggiungere il bersaglio, trasportando la testata esplosiva a destinazione.
Si tratta fondamentalmente della stessa tecnologia missilistica utilizzata per lanciare satelliti, telescopi e navicelle nello spazio. Soltanto che in questo caso, un razzo di questo tipo può trasportare un’arma nucleare, con un raggio di azione di oltre 8.850 chilometri. Ecco quelli più sviluppati.
(video tratto dal canale Youtube di Business Insider)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->