lunedì, Aprile 12

Corpo Forestale dello Stato: è riforma

0
1 2 3


La Riforma Madia mette completamente in discussione gli assetti amministrativi verso la prospettiva di una razionalizzazione degli enti e degli sprechi pubblici. L’accorpamento previsto nella legge riguarderà anche le forze di Polizia. L’obiettivo presupposto è di ridurre i cosiddetti ‘enti doppione’, cioè la sovrapposizione tra i diversi Corpi dello Stato. Tra i più discussi interventi di assembramento vi è quello nei confronti del Corpo forestale dello Stato. Anch’esso rischia di essere risucchiato nello snellimento della macchina burocratica.

Il Corpo forestale  è a tutti gli effetti una forza di polizia che svolge un’attività prevalentemente civile. La sua storia gloriosa dimostra quanto sia stato un importante presidio per il territorio, prediligendo l’aspetto preventivo a quello repressivo pur essendo garanzia di sicurezza e presidio per i cittadini. Nata nel 1822, ha avuto come ‘mission’ la tutela e salvaguardia dei territori, nel rispetto delle sue condizioni morfologiche. Attraversando tutto il periodo pre- e post-risorgimentale, è stato nel Novecento il simbolo della ricostruzione italiana contro il dissesto idrogeologico.

Con il tempo le sue responsabilità si sono moltiplicate, diventando sempre più presidio e sentinella dei territori, soprattutto montanari e, occupandosi di diverse funzioni che per semplicità possiamo distinguere in due grandi filoni, quello ambientale e quello agro-forestale.

Negli ultimi anni, però, l’ente ha attraversato diverse fasi: dal rischio della frammentazione regionale alla sua ricompattazione come corpo omogeneo. Un processo che lentamente ne ha corroso l’organizzazione interna. Per comprendere le ragioni di questa crisi occorre, inevitabilmente ripercorrere alcune importanti tappe che si riferiscono a diverse stagioni politiche e che spiegano il suo progressivo smantellamento.

Lo snodo cruciale, negli anni Novanta, è stata la devolution‘, condizione preliminare per la ripartizione regionale delle competenze amministrative. Il decreto Bassanini introdusse nel 2001 il sistema autarchico della regionalizzazione nelle amministrazioni pubbliche. In quella circostanza il Corpo forestale dello Stato rischiò di essere smembrato, ma nel 2003 questo pericolo fu definitivamente scampato a seguito dell’approvazione di una riforma volta a conservare l’unitarietà del Corpo forestale dello Stato a livello nazionale quale forza di polizia ambientale e forestale.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->