venerdì, Luglio 30

Coronavirus: medici di base, come si cambia Fra le tante voci la Medicina Generale fa sentire la sua per invitare alla riflessione e al cambiamento. A colloquio con il Presidente della Simg Claudio Cricelli: “oltre la burocrazia avanti con consapevolezza“

0

In quel diluvio di chiacchiere e show televisivi di esperti, epidemiologi, virologi, tuttologi , igienisti che sta sommergendo il paese, raramente ci è dato è ascoltare la voce, la testimonianza di chi  ogni giorno affronta sul campo la battaglia,  per usare la consunta metafora della guerra, contro il coronavirus e tante altre patologie: il riferimento è al medico di base, alle prese con migliaia di pazienti di cui conosce caratteristiche, abitudini, comportamenti, reazioni, umori. Eppure coloro che si definiscono ‘generici per scelta’ in Italia sono 46 mila. Come vivono questa tragica esperienza, quale il loro rapporto col sistema sanitario e mediatico e con il Paese in genere? Nei giorni scorsi il Presidente della SIMG, la Società Italiana di Medicina Generale dottor Claudio Cricelli, aveva lanciato grido d’allarme forte, pieno di spunti e preoccupazioni, “mettendo in luce come già allora l’1 per cento dei medici italiani fosse contagiato “e chiedendosi :“quanti saranno alla fine della pandemia?”  Ma subito aggiungeva: abbiamo  paura ma non timore, non temiamo di prestare  la nostra opera per le nostre comunità. Tutti i medici in questi giorni lo stanno dimostrando. Abbiamo paura della disorganizzazione dell’approssimazione.”  Il riferimento era in special modo alle zone critiche, alle scarse misure di protezione, al rischio del contagio per sé stessi e  i pazienti. Parole che lasciano il segno. Una ragione di più per conoscere direttamente da luile ragioni  di questa ‘disorganizzazione e approssimazione’.

 

Dottor Cricelli, da cosa derivano quelle che potremmo definire ‘disfunzioni del sistema’?

Da un’incultura diffusa, dal tentativo di  fronteggiare un problema nuovo, gigantesco  ma non imprevedibile, con metodi vecchi, e soprattutto una mentalità vecchia, inadeguata, sulla base di un ‘modello’ antiquato. Al di là del ritardo con cui si è compreso cosa stava avvenendo in Cina  – e già Bellocchio  ci diceva mezzo secolo fa quanto fosse” vicina”- il paese si è trovato ad affrontare questo tsunami  privo di strumenti tecnici  e amministrativi adeguati e un sistema che usava gli stessi metodi della   burocrazia. Noi medici di base, che da sempre operiamo sul territorio a contatto con la gente, non abbiamo atteso le decisioni di Governo e Regioni per organizzare la prime linee difensive: ci siamo immediatamente autorganizzati   procurandoci 500 mila mascherine e respiratori con le collette. Stiamo organizzand0o la sanificazione a nostre spese. Stiamo cercando tute protettive, guanti occhiali, cappelli e molto altro. Ci servirebbero 100 mila pulsossimetri con cui seguire la saturazione di ossigeno dei nostri pazienti critici  a distanza. Sono introvabili e in una settimana molti sono rincarati del 100%.

In questa incultura diffusa, o vecchia mentalità c’è  anche quella che regola  territorio e sistema ospedaliero?

E’ una mentalità che condiziona molti comportamenti. C’è chi ci considera liberi professionisti e in quanto tali   estranei al SSN. Solitamente parlano quelli che non sono mai stati sul campo di battaglia, che non hanno mai visto un paziente in vita loro. Peccato che in 30 giorni, salvo rara eccezione, anche l’Autorità Sanitaria non si sia preoccupata di  sentire la Medicina Generale. Ma ora, qualcosa si è mosso e ci coordiniamo anche se in maniera sommaria. Purtroppo, col  tempo,  il territorio, che è il primo presidio  sanitario, è stato sguarnito  e il vuoto della pubblica amministrazione è stato  riempito dalle organizzazioni di volontariato, divenute ormai organismi di sussidiarietà.  Il ‘118’ non esisterebbe senza il sostegno del volontariato. La struttura ospedaliera,  di cui non si nega l’importanza,  è diventata per la pubblica amministrazione  l’unica priorità. E in quel territorio sono rimaste le farmacie,  e i medici generici, come poveri fantaccini abbandonati a sé stessi. Autonomamente coordinati ed organizzati in tempo reale anche di fronte all’emergenza   coronavirus. Il  famoso Triage telefonico ce lo siamo inventato noi della Medicina Generale.

Qualcosa però sta cambiando…

Erano trent’anni che chiedevamo il superamento  del sistema di prenotazione, prescrizione, ritiro dei farmaci, un sistema macchinoso, che richiedeva tempo, energie, spostamenti, gas inquinamento, intasamento degli ambulatori medici. Solo di fronte all’emergenza virus tutto ciò si è disattivato dimostrando che i nostri anziani sono in grado di usare lo smartphone e  che potrebbero essere seguiti  per le cure nelle loro case. Dar loro lo smartphone non è né un’utopia ne’ un lusso. Ma una necessità. Mia madre che ha 90 anni   ne ha uno e lo sa usare.

E’ un passo decisivo verso la sburocratizzazione o solo temporaneo?

No, da qui indietro non si può tornare, anche se alcuni settori stentano ad adeguarsi. Tutto il digitale dovrà essere digitalizzato, tutto il dematerializzabile sarà dematerializzato, tutto il misurabile a distanza sarà misurato, tutto il prenotabile sarà prenotato, tra poco ogni cartella clinica avrà la videoconferenza integrata. E anche noi potremo assistere in maniera diversa e meglio tutti i pazienti ma soprattutto gli anziani, i fragili, i cronici, i poveri. Avremo un solo passaggio: prescrizione/invio/consegna.

Fra i tanti ostacoli che vi trovate a fronteggiare sussiste ancora la la minaccia delle fake news, contro cui vi siete mobilitati.

Stiamo da sempre lottando contro idee astruse  che mettono a rischio determinate persone, come gli ipertesi, che sono in Italia 6 milioni,  con una mortalità tripla del Covid. Ogni bufala o mezza verità diffusa dai media su Fans, antiipertensivi, vitamine, gruppi sanguigni integratori o che racconta di cure miracolose, provoca telefonate allarmate dei pazienti e riduce il tempo dedicato alle cure. L’appello è a misurare le parole, a spiegare bene o meglio sarebbe tacere.

Dott.Cricelli, in questi terribili giorni,  qualche antico tabù è caduto, altri vacillano, altri ancora resistono,  ne usciremo cambiati?

Personalmente non sono né ottimista né pessimista, cerco di rendermi conto della situazione delle forze e delle risorse  che abbiamo sul campo,  e di agire di conseguenza con buon senso ed equilibrio e soprattutto la consapevolezza  che la risposta  richiede una nuova visione delle cose nel loro insieme, nuovi modelli, nuovi comportamenti. Non si può ripercorrere le stesse strade che ci hanno condotto dentro questo cataclisma. Le cose si vanno modificando. E’ quanto cerco di spiegare, con calma, e senso di responsabilità  nel programma radio Rai di Emanuela Falcetti quando descrivo le difficoltà e le novità  nel rapporto medico/paziente e per la formazione professionale, pensando alle prospettive che possono, devono potersi aprire davanti a noi. Con il nostro contributo.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->