domenica, Settembre 19

Corea del Nord: nuova parata militare a Pyongyang Alla parata di oggi, a nessun giornalista straniero è stato permesso assistere. Neanche la tv di Stato ha potuto trasmettere in diretta l’evento

0

«Puntiamo a smantellare pacificamente l’arsenale nucleare della Corea del Nord, ma Pyongyang non sottovaluti la capacità militare degli Stati Uniti e la loro risolutezza» ha detto il vicepresidente Usa Mike Pence a Tokyo, prima di partire alla volta di Seul. In un discorso alle truppe statunitensi, Pence aveva affermato: «malgrado gli sforzi nel corso degli ultimi decenni, a ogni passo del negoziato la Corea del Nord ha reagito con inganno, non mantenendo le promesse e aumentando le provocazioni». Il dipartimento della Difesa americana ha però minimizzato l’importanza della parata militare. Secondo il portavoce del Pentagono, Dana White, «la Corea del Nord organizza parate piuttosto spesso. Siamo perfettamente capaci di neutralizzare qualunque minaccia agli Stati Uniti, ai loro alleati e ai loro partner». Ma il tema della ‘parata’ tiene banco fin da ieri negli Stati Uniti: anche il Presidente Trump, infatti, vorrebbe organizzarne una per mostrare al mondo la potenza militare americana.

«Siamo impegnati nel controllo e nel monitoraggio costante dei relativi movimenti (delle truppe) in coordinamento con gli Stati Uniti» ha dichiarato la scorsa settimana il portavoce dello stato maggiore congiunto delle Forze armate sudcoreane, il colonnello Roh Jae-cheon.

Pyongyang ha chiesto a Seul di rimuovere dal confine i megafoni che diffondono propaganda anti-regime, musica sudcoreana e news dall’ estero. A rendere più complessa la ripresa del dialogo sul piano militare è anche la questione delle esercitazioni militari congiunte tra Corea del Sud e Stati Uniti, di cui il regime nordcoreano chiede l’ interruzione. molto.

Il regime di Pyongyang ha informato che la delegazione di alto livello per l’apertura delle Olimpiadi di PyeongChang arriverà in aereo domani alle 13:30 circa (circa le 5:30 in Italia) all’aeroporto internazionale di Incheon.

Poche ore prima della parata, al villaggio olimpico di Pyeongchang, è giunta la delegazione sportiva della Nord Corea: circa 200 cheerleader. Sono 22 gli nordcoreani.  Ha destato clamore, sui media sudcoreani, la borsa Chanel da più di 6 mila euro sfoggiata da Hyon Song-wol, la comandante dell’orchestra rossa nordcoreana: probabilmente, è riuscita ad entrarne in possesso violando il divieto dell’ Onu di vendere prodotti di lusso al regime.

Visualizzando 2 di 2
Visualizzando 2 di 2

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->