martedì, Ottobre 19

Corea del Nord: in corso i preparativi per una nuova parata militare Sarebbe prevista per l' 8 febbraio, la vigilia dell’ inizio delle Olimpiadi invernali di Pyeongchang in Corea del Sud, per commemorare il LXX anniversario di fondazione delle sue forze armate

0
1 2


Una simile sfilata, alla vigilia della cerimonia di apertura delle Olimpiadi invernali, potrebbe mettere a rischio la recente distensione nelle relazioni tra le Seoul e Pyongyang, la cosiddetta ‘tregua olimpica’. Il Comitato Internazionale Olimpico, in una riunione organizzata a Losanna alla presenza dei rispettivi Comitati Olimpici e di quello organizzatore delle Olimpiadi, ha dato il via libera alla partecipazione di un’unica squadra nel torneo di hockey femminile, confermando anche la sfilata dei due team sotto una sola bandiera in occasione della cerimonia d’ inaugurazione del 9 febbraio. 22 saranno i nordcoreani che gareggeranno ai Giochi, in 5 diverse discipline: 12 atlete di hockey giunte in queste ore in Corea del Sud; una coppia di pattinaggio artistico, quella formata da Ryom Tae-ok e Kim Ju-sik; due atleti che si confronteranno col pattinaggio di velocità sui 500 e sui 1500 metri; due gli atleti, uno nei 15 l’ altro nei 10 chilometri, per lo sci di fondo; tre invece i partecipanti alle gare di slalom e di gigante dello sci alpino.  Inoltre il regime nordcoreano ha reso noto che invierà in Corea del Sud anche una delegazione di 24 funzionari e 21 rappresentanti dei media, che si aggiungono ai 550 membri già annunciati, 230 cheerleader, un’orchestra di 140 persone, 30 atleti di taekwondo e 150 delegati per le Paralimpiadi. E’ stato reso noto, inoltre, come tutti gli sportivi nordcoreani soggiorneranno nel villaggio olimpico di Gangneung, località costiera che ospiterà le gare degli sport sul ghiaccio.

Peraltro, è già giunta a PyeongChang l’unica donna ammessa nella delegazione della Corea del Nord impegnata nei sopralluoghi al Sud. Hyon Song-wol è la direttrice delle Moranbong, la band femminile più importante della dittatura che si dice sia stata, addirittura, amante di Kim. Non va dimenticata l’ attenzione che il dittatore nordcoreano rivolge alle donne. Nel caso delle cheerleader, che sono tutte rigorosamente selezionate, devono essere alte più di 163 cm, non aver compiuto più di 20 anni e provenire da buone famiglie: alcune fanno parte di una band ed altre sono per lo più studentesse della prestigiosa Università Kim Il-sung. Senza dimenticare l’ ossessione di Kim per il trucco: è stata addirittura ideata Bomhyanggi 1.0, la prima beauty app del mercato nordcoreano.

Non è escluso dunque che la parata militare disposta per l’ 8 febbraio possa suscitare reazioni negative. Le prospettive future di un reale allentamento delle tensioni tra le due Coree restano incerte tant’ è vero che i colloqui tra delegazioni militari dei due paesi, concordati da Seul e Pyongyang in occasione dell’incontro del 9 gennaio scorso, non avranno luogo prima delle Olimpiadi invernali, magari, nell’ ottica di Moon Jae In, per non intaccare i successi già conseguiti. Accettando le richieste di Pyongyang, Seul ha rimosso dal confine i megafoni che diffondono propaganda anti-regime, musica pop sudcoreana e notizie del mondo estero.

Proprio in queste ore, la Corea del Nord ha lanciato un appello «per migliorare le relazioni Nord-Sud e per effettuare la svolta di una riunificazione indipendente» tendendo ad una «nazione unificata, forte e prospera». «Dobbiamo schiacciare i tentativi di calunnia contro l’apprezzata spada nucleare della nazione» avrebbe affermato il regime. Il riferimento è agli Stati Uniti, al Presidente Donald Trump che, sebbene disponga di un «pulsante più grande», non ha ancora annunciato la cessazione delle esercitazioni congiunte ‘Key Resolve’ e ‘Foal Eagle’ con la Corea del Sud. Molte critiche da parte del regime nordcoreano ha suscitato il vertice di Vancouver convocata da Usa e Canada e che si è tenuta il 15 e 16 gennaio a livello di ministri degli Esteri: tra questi l’ assenza dei rappresentanti di Cina e Russia.

Al di là del 38esimo parallelo è stata avvertita come una provocazione: «In una riunione, il segretario di Stato Usa ha apertamente strombazzato che si dovrebbe intensificare la campagna di pressioni contro di noi fino a bloccare il programma nucleare limitando le esportazioni di petrolio e i progetti industriali, rafforzando il controllo sulle navi, espellendo i nostri lavoratori all’estero, e si è arrivati fino a insistere sull’opzione militare» aveva dichiarato all’agenzia di stampa Kcna un portavoce dell’Istituto studi americani del ministero degli Esteri nordcoreano. Lo stesso ha poi aggiunto che «il rafforzamento delle sanzioni nei confronti del nostro paese, come anche il blocco navale che è stato discusso dietro le cortine del meeting, corrisponde a un atto di guerra. La riunione ci testimonia il fatto che gli Usa vogliono innescare una nuova guerra nella Penisola coreana a ogni costo, nonostante parlino di dialogo».

Del resto, però, secondo il il direttore della CIA, Mike Pompeo, intervenuto all’American Enterprise Institute (AEI), Pyongyang sta cercando di acquisire la capacità di lanciare più missili balistici nucleari intercontinentali contemporaneamente. « Kim Jong-un» – ha precisato Pompeo – «non si fermerà dopo aver ottenuto un singolo test di successo. Il prossimo passo logico sarà sviluppare un arsenale atomico che non sarà composto da un unico pezzo da esibire nelle parate. Ma che permetterà di lanciare più missili di questo tipo simultaneamente». Intanto gli Stati Uniti «lavorano diligentemente affinché a un anno da oggi possa ancora dirvi che ci vogliono diversi mesi prima che Pyongyang raggiunga queste capacità». Poco più di una settimana fa, è giunta in Giappone la portaerei Wasp e sono stati schierati bombardieri stealth B-2 a Guam, dove sono dislocati i caccia B-1 e B-52.

Non si dimentichi, inoltre, che proprio negli ultimi giorni, il Giappone, più volte minacciato dal regime di Kim, si è detto pronto a sostenere i Paesi emergenti dell’Africa e del Pacifico che hanno ancora relazioni con la Corea del Nord, tentando di aumentare l’ isolamento del regime di e di far rispettare l’embargo deciso dalle Nazioni Unite. Come? Secondo alcuni analisti, grazie a 1,2 miliardi di yen pari a circa 8,8 milioni di euro, sarebbe necessario addestrare personale ed inviduare il commercio di armi e il riciclaggio di denaro e di petrolio: Tokyo si è detta pronta a fornire un resoconto alle Nazioni Unite in merito alle operazioni di trasbordo illegale di merci nel Mar cinese orientale.

«Le Olimpiadi Invernali a Pyeongchang possano aprire le porte a un futuro più radioso per la penisola coreana e invitare il mondo a unirsi in una celebrazione di speranza Non va dimenticato che un accordo simile sembrava impossibile solo qualche settimana fa» ha detto Thomas Bach a capo del Comitato Olimpico Internazionale. Fermo restando che, come ha ricordato il Presidente sudcoreano Moon Jae In, «la denuclearizzazione della Penisola coreana che le due Coree hanno concordato (in passato) è per noi una posizione di fondo irrinunciabile», c’è da sperare che tutto fili liscio.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

emanuele.cuda@lindro.it

End Comment -->