sabato, Settembre 25

Corea del Nord: il primo Congresso del Partito dei Lavoratori

0

Le strade di Pyongyang sono addobbate di rosso questa settimana: il regime nordcoreano si prepara ad aprire il VII Congresso del Partito dei Lavoratori. Nessuno sforzo è stato risparmiato per portare avanti questo evento che si terrà da domani 6 maggio: sarà il primo dopo 36 anni ed è considerato l’evento più importante degli ultimi decenni per le vicende politiche del Paese.

Infatti, sarà la più alta e importante riunione dell’organizzazione comunista attraverso la quale la famiglia Kim ha mantenuto una forte presa sullo Stato per ben tre generazioni. Il primo congresso si era tenuto nel 1980, diversi anni prima della nascita dell’attuale leader Kim Jong Un. Tuttavia, la notizia è stata riportata dai media ufficiali nordcoreani senza però indicare il luogo e la durata dell’evento.

Tra le misure temporanee varate per l’occasione si ha anche lo stop alla libertà di movimento dentro e fuori la capitale Pyongyang.

Si tratta di un momento storico: prima di tutto perché confermerà l’incoronazione di Kim Jong-un, l’attuale presidente nonché comandante supremo dell’Esercito popolare coreano e primo segretario del Partito dei Lavoratori, a ‘guida unica e suprema’ del Paese e ‘Grande Sole del 21esimo secolo’. Inoltre, dopo oltre quattro anni dalla presa del potere avvenuta dopo la morte nel 2011 del padre Kim Jong-Il, questo Congresso sarà per il Leader una opportunità per mostrare i risultati, soprattutto militari, ottenuti dalla Corea del Nord sotto la sua guida e per varare una serie di nuove nomine di vertice al fine di rimpiazzare gli epurati e consolidare ulteriormente il proprio potere. Inoltre, i temi sul tavolo del Congresso andranno dal nucleare all’economia.

 

 

 

(video tratto dal canale YouTube di CNN)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->