mercoledì, dicembre 19

Corea del Nord: cosa dobbiamo sapere del nucleare di Pyongyang Ed emerge che il Paese può effettuare un altro test nucleare da un momento all’altro

0

I leader del G7 hanno condannato «nei termini più forti possibili il nuovo test nucleare condotto dalla Corea del Nord con comportamento irresponsabile». A firmare la nota Paolo Gentiloni, Justin Trudeau, Emmanuel Macron, Angela Merkel, Shinzō Abe, Theresa May, Donald Trump, Jean-Claude Juncker, Donald Tusk.

«La Corea del Nord deve immediatamente abbandonare tutti i programmi nucleari e i programmi di missili balistici in una maniera che sia completa, verificabile e irreversibile», si legge nel comunicato. Intanto l’ambasciatrice Usa Nikki Haley ha dichiarato, nel corso della riunione del Consiglio di sicurezza dell’Onu, che gli Stati Uniti puntano a ottenere il voto  positivo su una nuova risoluzione che apporta nuove sanzioni nei confronti di Pyongyang entro lunedì prossimo.

Diverso il parere di Russia e Cina, che invece insistono sulla via della diplomazia. «Non consentiremo mai il caos e la guerra nella penisola coreana», ha dichiarato l’ambasciatore cinese all’Onu, Liu Jieyi. La Russia appoggia la proposta della Cina di un ‘congelamento’ dei test nucleari e missilistici della Corea del Nord in cambio di una sospensione delle esercitazioni militari congiunte tra Stati Uniti e Corea del Sud. Proposta che però Haley ha bollato come un ‘insulto’.

Nel frattempo i servizi di Seul nella relazione alla commissione parlamentare affermano: la Corea del Nord può effettuare un altro test nucleare «da un momento all’altro visto che ha completato la costruzione di un terzo tunnel e un altro ancora è agli stadi finali di completamento».

(video tratto dal canale Youtube della BBC)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.