lunedì, Giugno 21

COP21 Parigi: clima, ultima chiamata

0

Si avvicina a grandi passi la Conferenza sul Clima (Cop21), organizzata a Parigi che si svolgerà dal 29 novembre all’11 dicembre prossimo. L’apertura, inizialmente prevista per il 30, è stata anticipata di un giorno da parte dell’ONU per offrire «l’opportunità di sfruttare nel miglior modo possibile il limitato tempo disponibile a finalizzare i negoziati». Si tratta di un appuntamento, definito da molti come storico, visto che i cambiamenti climatici e i suoi ‘effetti collaterali’ stanno diventano sempre di più importanti e da più parti si chiedono decisioni chiare e definitive per evitare ulteriori catastrofi. Alla conferenza parteciperanno 195 Paesi, 50mila persone e 25mila delegati ufficiali. Obiettivo della UNFCCC è riuscire ad arrivare, per la prima volta in vent’anni, a un accordo vincolante e universale sul clima, un accordo che sia più solido e più esteso di quello di Kyoto, mai ratificato dagli Stati Uniti. Al tempo stesso i singoli governi dovranno presentare dei piani per il raggiungimento degli obiettivi prefissati e il rispetto dei parametri verrà monitorato con cadenza quinquennale.

Uno dei maggiori obiettivi della COP21 è mantenere il riscaldamento climatico sotto la soglia dei 2°C rispetto all’era preindustriale (1850 circa). Il futuro accordo internazionale dovrà prima trattare, in modo equilibrato, dell’attenuazione, ossia degli sforzi di basse emissioni di gas serra, e di adattamento delle società ai cambiamenti climatici già esistenti. Ma al centro del dibattito sarà anche chi dovrà pagare il costo di questi accordi, con 100 miliardi di dollari in ballo per aiutare i Paesi in via di sviluppo e che dovrebbero essere erogati dai Paesi sviluppati, da organizzazioni e da privati. Sul tavolo anche l’Ega, Environmental Goods Agreement, l’accordo che Stati Uniti, Cina, 28 Stati membri dell’Unione europea, e altri 11 tra i 160 Paesi membri dell’Organizzazione mondiale del commercio (OMC) hanno avviato da luglio 2014 per eliminare i dazi doganali e, in un secondo momento, anche le barriere non tariffarie, su una lista di prodotti ecologici in grado di proteggere l’ambiente e contrastare il cambiamento climatico.

La Commissione europea con un documento uscito il 25 novembre, ha ribadito «quanto sia importante raggiungere un accordo mondiale equo, ambizioso e giuridicamente vincolante alla conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici» ed ha sottolineato che «l’Unione europea si adopererà per raggiungere un accordo globale, duraturo e dinamico che consenta di accelerare la transizione globale verso economie a basse emissioni di carbonio e resilienti ai cambiamenti climatici. Ciò permetterà non solo di limitare i cambiamenti climatici e rafforzare l’impegno delle società per adattarsi agli impatti di questi mutamenti, ma anche di sostenere la crescita economica e lo sviluppo sostenibile a lungo termine nell’Ue e a livello mondiale». «L’Ue punta ad un accordo globale vincolante al termine della conferenza di Parigi», il commento del presidente Jean-Claude Juncker. «Siamo stati i primi a definire il nostro impegno a favore del clima nel marzo scorso e il nostro è ancora il contributo più significativo. Il nostro obiettivo di mantenere l’aumento della temperatura globale al di sotto di 2º C da qui alla fine del secolo è ancora a portata di mano. Stiamo assistendo alla nascita di un movimento mondiale senza precedenti. Spero che ciò si traduca in azioni concrete nel corso dei negoziati della settimana prossima. Se si otterranno risultati fattivi a Parigi, l’umanità avrà a sua disposizione un sistema internazionale per contrastare efficacemente i cambiamenti climatici».

Importanti anche i dati del sondaggio di Eurobarometro su ‘Sostegno dei cittadini all’azione per il clima’, dal quale emerge che i cittadini europei sono preoccupati. Il 91% degli intervistati considera i cambiamenti climatici come un problema serio, il 69% lo ritiene ‘molto serio’ e il 22% ‘piuttosto serio’. La maggior parte (93%) ritiene che per combattere i cambiamenti climatici serva un’azione collettiva di tutti i Paesi del mondo e che serva un’azione nazionale per migliorare l’efficienza energetica (92%) e accrescere l’uso delle rinnovabili (91%) entro il 2030. Interessante come l’81% degli europei ritenga che combattere i cambiamenti climatici e utilizzare l’energia in maniera più efficiente può dare un impulso all’economia e creare posti di lavoro. Pronto per l’appuntamento della COP21 il commissario Ue per il Clima, Miguel Arias Cañete: «Parigi costituisce un’opportunità storica che non possiamo sprecare. Adesso si tratta di trasformare lo slancio che si è manifestato nella fase preparatoria della COP21 in un accordo ambizioso, operativo e giuridicamente vincolante. In vista della conferenza più di 170 paesi, responsabili di oltre il 95% delle emissioni globali, hanno già illustrato i loro piani per affrontare i cambiamenti climatici. Si tratta di una vera svolta, ma anche della prova evidente del sentimento di urgenza e della volontà politica comune di fare di Parigi l’inizio di una nuova pagina nell’azione a favore del clima. Ma non c’è spazio per l’autocompiacimento, la credibilità dell’accordo dipenderà dagli elementi chiave seguenti: un obiettivo di lungo termine, analisi periodiche per rafforzare l’ambizione nel corso del tempo e norme rigorose in materia di trasparenza e responsabilità».

Tanti i dubbi che anche in questo caso non si arrivi ad un documento comune e alla sua effettiva realizzazione, ma anche una certezza: il mondo non può attendere oltre. Il clima è a un punto di non ritorno e la non-azione può essere davvero fatale.

Ecco tutti gli articoli sulla Conferenza sul Clima di Parigi COP21, sulle tematiche ambientali e sulla geopolitica legata alle questioni del clima e dell’ambiente.

 
COP21: il Creatore di morte chiamato a salvare la vita

Il mantra del global warming

Clima: cosa succederà se le temperature aumenteranno di 5 gradi?

Oltre il piano mondiale per il clima di COP21?

COP21 e cambiamenti climatici: ‘Un accordo a Parigi ci sarà’

COP21: Parigi apre i lavori

COP21: la linea italiana a Parigi

COP21: la posizione dell’Ue a Parigi

COP21: le isole-stato a rischio scomparsa

Parigi: all’Ambiente non si comanda

Il Clima impone una transizione economica

Pianeta Terra grida: «Basta al cemento selvaggio»

Quanto inquina la Cina

Clima: Hollande in viaggio in Cina

Lotta ai Cambiamenti Climatici: ora o mai più

Acqua, risorsa geopolitica e geoeconomica

Asia, le dispute per l’acqua

Acqua, le dispute nelle Americhe

Acqua: le dispute per l’oro blu in Medio Oriente

Africa, le guerre per l’acqua

L’emergenza acqua in Europa

Guerre per l’acqua, dal conflitto al confronto

Acqua, risorsa geopolitica e geoeconomica

Superare COP21: la salvaguardia degli animali

Clima, America Latina a lezione diplomatica

Clima: verso la Conferenza di Parigi

India a favore del clima

Quali politiche ambientali? Dialogo con Realacci

Se salviamo Tuvalu, salveremo il mondo

Una sfida mondiale per il clima…

La posizione europea sul clima

Ambiente: tutte le battaglie italiane

America Latina tra cambiamenti climatici e sviluppo

Dal Brasile una risposta ai cambiamenti climatici

USA: buon esempio per cambiamenti climatici

LA CRONACA DELLE GIORNATE

30 Novembre COP21: al via oggi la Conferenza di Parigi sul clima

1 Dicembre COP21: al via i negoziati

2 Dicembre COP21: Fabius esorta ad accelerare

3 Dicembre COP21: quarta giornata tra tensioni e passi avanti

4 Dicembre COP21: pubblicata la prima bozza dell’accordo

7 Dicembre COP21, serve un’intesa entro mercoledì

9 Dicembre COP21, ecco la nuova bozza d’accordo

10 Dicembre COP21: negoziati agli sgoccioli, niente di definitivo

11 Dicembre COP21: ultimo giorno di negoziati, accordo non pervenuto

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->