martedì, Ottobre 19

COP21 e clima: 'This changes everything'?

0

In concomitanza con il vertice internazionale sull’ambiente COP21 a Parigi, esce anche in Italia al cinema l’atteso film documentario ‘This Changes everything‘ con l’anteprima a Roma presso la Camera dei Deputati  (già il 26 Novembre).
La vicenda del film è tratta dal libro di Naomi Klein ‘Una rivoluzione ci salvera’ (Rizzoli, 2015) e le riprese del film, dirette dal regista Avi Lewis e prodotto tra gli altri da Alfonso Cuarón, composte e formate da 7 ritratti di comunità in prima linea nella lotta al surriscaldamento (partendo dal Canada alla Cina, dalla Grecia all’India e oltre), intrecciate alla narrazione di Naomi Klein sui nessi tra il surriscaldamento planetario e il vigente sistema economico.

12039473_892195660871712_4078758694694732977_n

 

Le immagini sono state girate in 9 Paesi e 5 continenti diversi nel corso di 4 anni nel tentativo epico per ‘reinventare’ la grande sfida che il cambiamento climatico rappresenta. Klein delinea così la sua più controversa ed entusiasmante idea: la difesa del nostro pianeta rappresenterebbe l‘occasione per riformare radicalmente l’economia globale ormai alle corde.
Il film sarà distribuito, dal 2 dicembre, in 48 sale italiane grazie a Camera Distribuzioni Internazionali  attraverso il circuito ‘The Space’ in collaborazione con ‘Lumie’re‘ e ‘Cinema Anteo‘.

L’intento è quello di fare capire che “…e se il problema non fosse la natura umana? E forse neanche l’effetto serra? Se il problema fosse la storia che ci siamo raccontati negli ultimi 400 anni?

(tratto dalla sezione ‘CineBlog’ sito di ‘Blogo.it’)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->