mercoledì, Maggio 25

Cooperazione con le autocrazie: quando è troppo, è troppo? Poche autocrazie, negli ultimi sette decenni, hanno lasciato un'eredità positiva. Tra i pochi, alcuni, come il Cile e la Corea del Sud, lo hanno fatto a caro prezzo. Questo, però, non vuol dire sostenere che tutta la cooperazione con le autocrazie sia sbagliata

0

Due recenti pubblicazioni hanno alimentato il dibattito sulla cooperazione democratica con i governi autocratici in generale, e l’Arabia Saudita in particolare, sulla scia della guerra in Ucraina. È un dibattito che sfida l’interpretazione del conflitto da parte del presidente degli Stati Uniti Joe Biden come una lotta tra il bene e il male, la democrazia e l’autocrazia.

I commenti dell’importante analista geopolitico e scrittore di viaggi Robert Kaplan e dell’ex editore del Wall Street Journal Karen Elliott House sollevano molteplici, e forse preoccupanti, domande che vanno al cuore delle guerre culturali negli Stati Uniti e in altri paesi occidentali.

L’assenza di parallelismi tra la brutalità dell’invasione russa dell’Ucraina ed eventi simili in Medio Oriente e Nord Africa mette in luce l’apparente cecità, se non l’adozione di doppi standard, da parte degli Stati Uniti e dell’Europa. Questi parallelismi includono l’altrettanto brutale intervento russo in Siria, la guerra tra Arabia Saudita e Emirati Arabi Uniti in Yemen e l’occupazione delle terre conquistate da Israele e Marocco.

“Stupefacente che un intero articolo @WSJ @khouse200 che incolpa gli Stati Uniti, e Biden in particolare, per aver minato la relazione tra Stati Uniti e Arabia Saudita possa essere scritto senza evidenziare il ruolo fondamentale e distruttivo svolto da MBS spietati e sconsiderati in quella rovina”, ha twittato Aaron David Miller, ricercatore presso il Carnegie Endowment for International Peace con sede a Washington ed ex negoziatore statunitense per il Medio Oriente. Miller si riferiva al principe ereditario saudita Mohammed bin Salman.

“Leggi il pezzo @WSJ e piangi. Miliardi spesi letteralmente insegnando l’odio, costringendo l’Islam monolitico, distruggendo il patrimonio culturale, e questo è solo uno dei danni causati a livello globale. Quanti bambini sono stati contagiati dall’odio?” ha aggiunto Farah Pandith, l’ex rappresentante del Dipartimento di Stato americano presso le comunità musulmane.

I due ex funzionari si sono opposti al suggerimento della House secondo cui Biden dovrebbe “chiedere perdono per un elenco crescente di lamentele saudite” che hanno messo a dura prova le relazioni tra il regno e gli Stati Uniti. Probabilmente avrebbero anche contestato la rappresentazione semplicistica del signor Kaplan del signor Bin Salam come un riformatore sociale che promuove le “libertà personali”.

Nessuno dei due autori ha menzionato la responsabilità saudita per il fatto che lo Yemen sia diventato una delle peggiori crisi umanitarie del mondo o la mancanza di responsabilità e trasparenza nell’uccisione del giornalista Jamal Khashoggi da parte di una troupe saudita con stretti legami con Bin Salman.

House, autrice di un libro sull’Arabia Saudita, si è concentrata invece sul rifiuto degli Stati Uniti negli ultimi anni di rispondere con maggiore forza agli attacchi alle infrastrutture critiche dell’Arabia Saudita e degli Emirati da parte dei ribelli Houthi in Yemen e Iran, gli Stati Uniti fanno marcia indietro sulla vendita di armi e Il rifiuto del signor Biden di ingaggiare il signor Bin Salman a causa dell’omicidio di Khashoggi.

Il divario tra Stati Uniti e Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti si è ampliato con i due stati del Golfo che si rifiutano di sostenere sanzioni contro la Russia o aumentare la produzione di petrolio per fermare un’ulteriore spirale dei prezzi.

“Nei 40 anni in cui ho visitato questo paese, la rabbia per gli Stati Uniti non è mai stata così viscerale o così diffusa”, ha scritto House. Ha affermato che spettava a Biden riparare i rapporti con il regno piuttosto che affidare almeno una parte dell’onere al principe ereditario, che ha represso brutalmente qualsiasi dissenso percepito.

House inquadra la sua argomentazione nei termini della più ampia rivalità tra Stati Uniti e Cina. “Il piquet saudita è pericoloso. Le relazioni del regno con la Cina sono forti e stanno diventando più forti”, ha detto la House.

Mentre House riconosce che, contrariamente agli Stati Uniti, “Pechino non può proteggere i giacimenti petroliferi sauditi o le rotte marittime che consentono al suo petrolio di raggiungere i mercati mondiali”, sembra trascurare il fatto che l’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti potrebbero hanno esagerato con la crisi ucraina.

Il fatto che la Cina sia molto lontana dall’essere capace o disposta a sostituire militarmente gli Stati Uniti in Medio Oriente e possa rivelarsi un alleato più difficile significa che le opzioni dell’Arabia Saudita e degli Emirati Arabi Uniti per coprire le loro scommesse potrebbero essersi ridotte, dando gli Stati Uniti più che meno leva.

Tale suggerimento è rafforzato dal fatto che il fiasco dell’Ucraina è effettivamente costato alla Russia un posto al primo posto in un ordine mondiale emergente più multilaterale.

Kaplan colloca il conflitto in Ucraina e la questione della cooperazione tra stati democratici e autocratici nel plasmare un nuovo ordine mondiale in un contesto più ampio che complica i termini del dibattito.

L’autore respinge giustamente l’idea che il conflitto in Ucraina sia una battaglia tra democrazia e autocrazia. Invece, lo inquadra come una lotta per mantenere lo stato di diritto, sostenere il diritto internazionale e garantire l’inviolabilità dei confini internazionalmente riconosciuti.

Mentre l’argomento della House si basa su fredde realtà geopolitiche, Kaplan cerca di ridefinire il liberalismo e le libertà personali che, nella sua mente, sono esemplificate dalla liberalizzazione sociale piuttosto che politica del signor Bin Salman.

“Se si esamina il mondo al di là del Nord America e dell’Europa, dando la stessa importanza al Medio Oriente, all’Africa, al Sud-est asiatico e all’America Latina, non è chiaro se la democrazia parlamentare sia un’assoluta necessità per lo sviluppo dello spirito generale del liberalismo”, ha affermato Kaplan.

In tal modo, Kaplan riduce i diritti umani a maggiori diritti delle donne, ad esempio in Arabia Saudita, e le libertà personali alla “protezione delle minoranze, alla libertà di viaggiare o di ordinare qualsiasi libro dall’estero, ecc.” La libertà di espressione, i media e l’assemblea sono palesemente assenti nella definizione di Kaplan.

Kaplan afferma che i sauditi non vogliono elezioni perché potrebbero essere vinte dai “fondamentalisti musulmani”. Continua affermando che “i sauditi fanno una distinzione tra libertà e democrazia”.

Non colpisce Kaplan che se gli islamisti dovessero vincere elezioni libere ed eque in Arabia Saudita, ciò suggerirebbe che le riforme sociali di vasta portata del signor Bin Salman potrebbero essere meno popolari di quanto si pensi.

Kaplan afferma chiaramente che esistono autocrazie assolute e più benigne e che le autocrazie più illuminate possono essere partner accettabili.

Tuttavia, ci sono almeno due problemi con la sua argomentazione.

L’Arabia Saudita potrebbe aver attuato le riforme sociali ed economiche attese da tempo necessarie per diversificare la sua economia dipendente dal petrolio. Tuttavia, il regno è tutt’altro che un’autocrazia assoluta, duramente repressiva, governata da un solo uomo.

Il mese scorso l’Arabia Saudita ha messo a morte 81 persone in una delle più grandi esecuzioni di massa nella storia recente del regno. Molti dei giustiziati erano attivisti sciiti condannati per il loro dissenso e protesta non violenta.

L’Arabia Saudita non sta davvero diventando un paese più libero. Sta semplicemente diventando un tipo diverso di stato di polizia repressivo con un’enfasi maggiore sul nazionalismo e la volontà di fornire alla gente pane e circhi”, ha affermato l’esperto Daniel Larison in una critica aspra all’argomento del signor Kaplan.

Inoltre, poche autocrazie negli ultimi sette decenni hanno lasciato un’eredità positiva. Tra i pochi, alcuni, come il Cile e la Corea del Sud, lo hanno fatto a caro prezzo.

Il fatto che Cile e Corea del Sud siano eccezioni che confermano la regola non vuol dire sostenere che tutta la cooperazione con le autocrazie sia sbagliata.

In una critica all’affermazione dell’eminente storica del blocco sovietico Anne Applebaum secondo cui le autocrazie intendono distruggere le democrazie, Eldar Mamedov, consigliere politico per i socialdemocratici nella commissione per gli affari esteri del Parlamento europeo, osserva che molti stati autoritari o semiautoritari come Turchia, Qatar, Vietnam, Venezuela, Uzbekistan e Kazakistan cercano la cooperazione con gli Stati Uniti e l’Europa.

Dovrebbero essere tutti respinti a causa della loro mancanza di credenziali democratiche? Non possono esistere condizioni in cui l’impegno con gli stati autoritari possa favorire un cambiamento positivo, se non una vera e propria democratizzazione, almeno alcune forme di liberalizzazione e apertura?” chiede Mamedov.

Sottolinea che “storicamente, l’impegno con i regimi autoritari in Spagna, Portogallo, Brasile, Argentina e Cile ha preparato il terreno per transizioni democratiche imperfette, ma attuabili”.

Detto questo, è improbabile che l’Arabia Saudita segua presto l’esempio della Spagna, del Portogallo o degli stati latinoamericani.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->