mercoledì, Settembre 22

Consigli per un approccio diligente al gioco d’azzardo online field_506ffb1d3dbe2

0

poker3D_16_674

 

C’è un dato allarmante che è venuto fuori alla fine del 2013 relativo alla popolazione siciliana; stime attendibili dicono che nell’isola ci sono come minimo 100.000 persone (ma alucuni parlano addirittura di quasi il 2% della popolazione) che sono affette da ludopatia, ovvero dal desiderio compulsivo e incontrollabile di praticare il gioco d’azzardo.

 

Questa patologia di carattere psicologico è salita recentemente alla ribalta nei fatti di cronaca  in quanto prima si tendeva a considerare il gioco compulsivo come un semplice vizio, mentre ora è stata giustamente inserita nell’elenco delle patologie riconosciute e la Regione Sicilia si è impegnata molto in questo campo introducendo la ludopatia tra i livelli essenziali di assistenzaconsentendo così l’accesso alle cure pubbliche per tutti coloro che ne hanno bisogno.

 

Ignazio Tozzo, dirigente generale del dipartimento Attività sanitarie e Osservatorio epidemiologico della Regione, ha dichiarato che questo è un passaggio importante, ma bisogna ancora lavorare per riuscire ad assegnare risorse alla cura della ludopatia e stilare un accorto programma di prevenzione, che al momento esiste.

 

Secondo alcuni studi, la ludopatia colpisce soprattutto i maschi partendo dall’età adolescenziale, le donne invece risultano leggermente meno colpite e nel loro caso la ludopatia tende a presentarsi nella fascia di età successiva ai quaranta anni.

 

Il gioco d’azzardo può essere un passatempo divertente se praticato con misura e con intelligenza; la prima cosa da fare quando ci si accinge a provare qualche diversivo con puntate in denaro è quella di stabilire in precedenza un budget massimo che si vuole impiegare e di essere fermi nel non sforarlo, anche se si potrebbe avere la tentazione di rimediare alle perdite investendo maggiori risorse economiche. 
Ad esempio, se siete amanti del poker online, che molti considerano un gioco anche di abilità piuttosto che puro azzardo, è consigliabile visitare il portale specializzato Poker.it sul quale potrete trovare preziosissime strategia di gioco per tutti i livelli di abilità e i informazioni sui migliori siti di poker che si possono trovare online. Visitate sempre i siti di questo genere dove troverete consigli utili, una community con la quale condividere la vostra passione e vivere al meglio e in modo sereno la vostra esperienza con il gioco.

 

Il gioco, infatti, non deve essere vissuto come una ossessionema come un momento di divertimento nel quale bisogna sapere prima che a volte si può essere fortunati ed altre no.

 

Un altro aspetto importantissimo da considerare sempre è quello di praticare il gioco d’azzardo nelle forme corrette ed autorizzate dalla legge. Da questo punto di vista le piattaforme per il gioco degli operatori online possono offrire la massima garanzia di sicurezza e di rispetto delle norme di legge che regolano anche la percentuale di denaro che deve essere restituito sotto forma di vincite.

 

Tutte le piattaforme legali online infatti sono necessariamente approvate dall’AAMS e sono controllate in tutte le loro operazioni, dall’identitá del giocatore fino alla tracciabilitá dei pagamenti elettronici.

 

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->