martedì, Settembre 28

Consigli per investire al meglio sulla borsa cinese Per operare in modo consapevole è indispensabile puntare prima di tutto sulla buona formazione, allo scopo di capire come operare nello stock market del Dragone in modo efficace, diversificando gli investimenti e approfittando delle nuove opportunità offerte dall’azionario cinese

0

Il mercato finanziario cinese si sta affermando come un settore ad alto potenziale, in grado di attirare capitali da tutto il mondo e valorizzare la leadership acquisita nel campo dell’innovazione tecnologica. Nonostante oggi WallStreet continui a rappresentare il focus per gli investitori, nei prossimi anni gli esperti prevedono un forte incremento dei flussi di capitali diretti verso le imprese cinese quotate in patria.

Allo stesso tempo, investire sulla borsa cinese non è semplice, a causa di una serie di barriere e complessità come la lingua e la difficoltà nel reperire informazioni esaustive. Per operare in modo consapevole è indispensabile puntare prima di tutto sulla buona formazione, allo scopo di capire come operare nello stock market del Dragone in modo efficace, diversificando gli investimenti e approfittando delle nuove opportunità offerte dall’azionario cinese.

Come operare sul mercato finanziario cinese

Per comprendere come investire sulla borsa cinese una risorsa utile è la guida proposta sul sito Tradingonlineguida.com, portale specializzato nell’informazione di qualità su trading online e investimenti. Innanzitutto la borsa in Cina è un settore abbastanza chiuso, sebbene Pechino abbia intrapreso un cambio di strategia cominciando ad aprire l’azionario agli investitori stranieri, per incentivare l’arrivo di nuovi capitali e consentire alle aziende di cinesi di crescere più rapidamente ed espandersi anche all’estero.

Le due piazze finanziarie di riferimento sono la Borsa di Shanghai e quella di Shenzhen, caratterizzate dalla presenza di importanti società come Alibaba, Baidu, Youdao, Tencent e Xiaomi. Il mercato del Dragone è caratterizzato da un’elevata volatilità, inoltre bisogna tenere conto del cambio valutario per investire nella borsa cinese. Per quanto riguarda gli indici tra i più importanti ci sono il CSI 300 con i 300 titoli delle aziende con la più alta capitalizzazione di mercato, l’FTSE China 50 con le 50 azioni delle imprese più grandi quotate a Hong Kong e l’SSE Composite con i titoli A e B negoziati sulla Borsa di Shenzhen.

Per investire è possibile optare per fondi comuni e ETF, una soluzione ottimale per diversificare il rischio e operare in modo passivo. Altrimenti si possono comprare direttamente i titoli, tuttavia servono conoscenze approfondite del mercato finanziario cinese e l’accesso a informazioni valide. In alternativa è possibile operare con il trading CFD, speculando sulle oscillazioni di prezzo delle azioni cinesi con i contratti per differenza, rivolgendosi a un broker regolamentato per aprire posizioni su ogni direzione del prezzo in base ai trend individuati con l’analisi tecnica.

La scelta della modalità d’investimento deve essere presa con attenzione, valutando pro e contro di ogni opzione e considerando gli obiettivi che si vogliono perseguire. Molti trader retail scelgono di cominciare con il trading online, operando in modo intraday con i CFD all’interno della stessa giornata di negoziazioni, utilizzando gli ordini automatici per controllare i rischi legati alle fluttuazioni di mercato. Anche gli ETF sono una soluzione d’investimento apprezzata, in quanto permettono di aumentare la diversificazione e ridurre il rischio, specialmente nelle posizioni di lungo termine.

Quali sono le prospettive per la borsa cinese?

Molti analisti indicano come nei prossimi anni potremmo assistere all’ascesa della finanza asiatica, trainata dall’aumento di risorse provenienti dalla crescente classe media cinese. Nel Paese del Dragone si sta incrementando la domanda per i servizi finanziari, con sempre più persone che vogliono investire in borsa i propri risparmi. Questo fenomeno contribuisce alla creazione di nuove startup e alla quotazione delle aziende in borsa, favorendo l’afflusso di capitali e l’espansione dell’azionario cinese.

La Cina è anche all’avanguardia nel settore tecnologico, con una diffusione considerevole dei pagamenti contactless e una tendenza al risparmio che ha generato una classe media con un benessere di vita sempre più elevato. Il governo sta anche sviluppando la domanda interna di prodotti e servizi, per ridurre la dipendenza della Cina dall’export e incrementare la stabilità economica del Paese. Anche la posizione fiscale del Dragone è nettamente migliore rispetto a quella degli Stati Uniti, compresi molti paesi europei come l’Italia.

Anche nella green economy la Cina sta investendo somme ingenti, con programmi ambiziosi per il raggiungimento della neutralità climatica entro il 2060. A tutto ciò bisogna aggiungere l’esplorazione spaziale, lo sviluppo del commercio elettronico e la ricerca della Cina della leadership all’interno del continente asiatico. Investire nella borsa cinese permette di cogliere le nuove opportunità del mercato finanziario del Dragone, diversificando meglio il capitale e sfruttando le potenzialità dell’azionario cinese, ma sempre mantenendo il focus sul risk management e le scelte d’investimento consapevoli.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->