giovedì, Giugno 17

Condominio con demonio field_506ffb1d3dbe2

0

Siamo un Paese da tempo in preda a malvagie presenze. Un Condominio con demonio, rimanendo sull’immaginare e descrivere l’Italia come un grande, rissoso Palazzo con cattivi Amministratori. Ed Amministratore. Come in Rosemary’s Baby, il film di Roman Polansky in cui Mia Farrow partorisce infine il figlio del diavolo. Chi in questo nostro condominio davvero lo sia è difficile da definire. O forse solo perché ce ne sono troppi.

Silvio Berlusconi, forse, di cui l’ex Presidente Francesco Cossiga ebbe a dire un’intervista a Gian Antonio Stella sul Corriere della Sera che in lui vedeva il ghigno demoniaco dell’Anticristo. Un po’ eccessivo forse. Ma qualche volta…

Matteo Renzi, il Royal Baby di giulianoniana memoria, e quello di diavoli e affini se ne intende, avendone goduriosamente, e proficuamente, frequentati per tutta la vita.

E ancora Matteo Salvini, non a caso ‘esorcizzato’ in questi giorni da Francesco e dai suoi, che di certe cose dovrebbero ben intendersene. O magari Renato Brunetta, diavolo piccino e cattivissimo, Daniela Santadeché (come la chiama quel diavolo d’un uomo di Roberto D’Agostino) arrembante diavolessa di plastica… Ma questi sono quelli sin troppo facili da individuare, poi, e più, ci sono i diavoli del giorno per giorno, i diavoli della porta accanto. I più pericolosi.

Manca soltanto, purtroppo e per ora, Geppo, il diavolo buono, nel nostrano Condominio con demonio. Ed in questa ultima settimana pure ne abbiamo viste di ogni genere. Per cui, elencandone lo svolgimento temporale, lasciamo che ognuno riempia lo ‘schema’ a proprio piacimento. E, magari, poi ce lo comunichi, per farne oggetto di riflessione, e comunicazione collettiva. Ché ne abbiamo viste, per l’appunto, tante. Ma non ne abbiamo viste delle belle.

Dunque, ricapitolando, in questi giorni d’Agosto 2015

da Lunedì 10 a Venerdì 14 Agosto

 

Lunedì 10

Martedì 11

Mercoledì 12

Giovedì 13

Venerdì 14

 

le cose sono andate come ci racconterete, e racconteremo.

E poi

Sabato 15 e Domenica 16 Agosto

E la prossima settimana

da Lunedì 17 a Domenica 23 Agosto

Continua l’immeritato riposo.

 

E così eccoci a metà pure di questo Agosto 2015. Che non tornerà mai più, purtroppo o per fortuna. Vedremo.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->