venerdì, Luglio 30

Concluso crowdfunding a favore della Grecia! field_506ffb1d3dbe2

0

Una campagna di crowdfunding a favore della Grecia che ha cercato di raccogliere € 1600000000 per salvare la Grecia si è concluso con il contributo solo timidi del marchio 2 milioni di € , ossia 0% del totale necessario per fare la differenza economica per la Grecia.

L’organizzatore della campagna Thom Feeney non ha perso tempo nel lanciare di nuovo la campagna. C’è una crisi umanitaria in Grecia, non solo una crisi economica. Per queste ragioni sto lanciando una nuova campagna, con un finanziamento flessibile in modo che qualsiasi e tutti i fondi raccolti può essere investito per aiutare il popolo della Grecia“, ha dichiarato Feeney. Secondo i numeri per la campagna originale, 7500 persone hanno donato abbastanza di essere ricompensati con una feta e olive insalata greca e 11.300 hanno donato il 10 € per essere ricompensati con una bottiglia di Ouzo. Appena sette persone avevano contribuito con 5000 € necessari per vincere una vacanza in Grecia per due persone. Dal momento che la campagna si è conclusa senza raggiungere il suo obiettivo, l’organizzatore non è tenuto a premiare i partecipanti. Feeney, che ha 29 anni e vive a Bethnal Green, a Londra, ha detto che era stufo di politici europei non riescono a agire per aiutare il popolo greco: € 1,6 miliardi è un costo relativamente piccolo nel grande schema delle cose. In realtà, si potrebbe raccogliere quei soldi da tutti nell’UE solo avere un insalata di feta e olive per pranzo oggiha dichiarato Feeney al giornale ‘The Independent’.

Cercare di bypassare i politici moderni per finanziare alla popolazione europea con un piano di salvataggio, ottenendo un gustoso pranzo e facendo ottenere alla la stabilità economica dovrebbe essere la nostra priorità, visto che quella crisi coinvolge tutti. Dello stesso parere Feeney che ha detto che non aveva alcuna connessione con i politici della Grecia, altro consumare la loro produzione nazionale. Feeney è stato travolto dai commenti negativi rispetto ai positivi sulla Nazione in crisi: OK Grecia ha fatto degli errori, ma cerchiamo di  perdonarli e fare ‘la cosa giusta’ supportandoli dalla base della società“, ha detto Phil Butterworth sulla pagina Indiegogo. Un commentatore ha sottolineato che Feeney per raggiungere l’obiettivo di € 1,6 miliardi  avrebbe avuto bisogno di raccogliere € 200.000 al minuto.

(tratto dal canale ‘Youtube’, con video di un utente)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->