sabato, Maggio 15

Coming out di Charlie Carver field_506ffbaa4a8d4

0

Al bar di Mario, il geometra Zenone sfoglia il quotidiano davanti a un bel caffè brunito.

Ah, ma te hai capito”, dice “Così anche Charlie Carver è culo”.
Sì, però anche lei”, abbozza l’Assessore alle Politiche Giovanili Abbozzo “Chiaro che qui ogni volta finisce in distruzione. Non può usare termini come ‘omosessuale’, ‘gay’ o ‘diversamente etero’, come dovrebbe fare ogni persona civile che si rispetti?”.

Bubbole!”, replica Pistozzi, strenuo paladino della Lega Nord al punto di essere andato spesso sul cratere del Vesuvio a gettare bombole del gas per accelerare una sua nuova eruzione “Bisogna chiamare le cose come stanno: frocio, checca, ricchione, Pier Paolo Pasolini, culandra, negher! Mica offendo nessuno, dico solo ciò che oggettivamente è!”.

Pero il rispetto per il prossimo è fondamentale…”, obietta il giovane Acido, rapper di periferia.

Ma rispetto di cosa, che tu ascolti gente che dice cazzoculofiga ogni due secondi”, fa Pistozzi “E poi guardali, fanno impressione: Elton John, Mika, Nichi Vendola. C’hanno la virilità d’un bacarozzo! Giusto Tiziano Ferro mi ha stupito, ma forse la sua è solo strategia per il prossimo Sanremo…”.

Richtig, schwanz!”, conferma il fantasma di Otto Von Bismarck che aleggia sopra i loro capi “Non possiamo che rigettare schifo omosessuale! Ai miei tempi questa malattia veniva debellata con la morte e il curato poi stava bene, sotto terra. Vero uomo è quello con mustacchi, petto tronfio e villa ad Arcore, altrimenti solo sanculotto comunista!”.

Plaude ironicamente l’ateo apolitico atarassico Arturo, agitando ostentatamente la sua copia de ‘Il Fatto Quotidiano’. Non lo legge mai, ma quando va al bar della facoltà di Lettere e Filosofia la cameriera non gli fa mai pagare il caffè leccandosi le labbra. E non solo quelle.

Sagra dell’ovvietà anche oggi, eh? Come se non si sapesse del caos provocato non solo nel mondo del cinema dall’attore di Teen Wolf!”.
No!”, ruggisce Tano il meccanico “Avevo un provino questo pomeriggio per Teen Wolf!”, e scappa via, bestemmiando le marmitte catalitiche che lo distraggono dalle sue reali aspirazioni.
Però intanto chiediamoci come mai queste esternazioni non vengano mai dal mondo della politica! Lo sapete perché?”.
Perché l’etero va a benzina, il gay in bici e dichiararsi omosessuali vorrebbe dire crollo dei consumi?”, prova l’ambientalista Pozzi.
Perché il politico lo mette in culo già di professione?”, ride, e lo fa solo lui, il provetto comico Sciagura.

Ma Carver chi? Raymond?”, chiede il vecchietto col bianchino a Mario il barista.

Negher!”, sbotta Pistozzi, pigiando sul bancone e facendo schizzare per aria un capocollo, quattro orange soda e il bianchino del vecchietto da bar che, per il dolore, schiatta sul colpo “La colpa è sempre e solo dei negher!”.

La furia che si scatena successivamente nel bar è ovvia conseguenza: un esercito di cheerleader in tenuta stagna della Fiomm sfonda nel bar accompagnato da Ricky Martin in versione etno-chic. Sculettando e cantando ‘La vida loca’  il perfomer guadagna il centro del bancone, dove si esibisce in una mostruosa rotazione pelvica che induce Pistozzi all’immediato suicidio. Segue quello di Otto Von Bismarck che si impicca con i suoi stessi baffi. Intanto il corpo del vecchietto viene usato come festone per inneggiare al primo gay pride in un bar di periferia, mentre Mario chiama di nascosto la Usl per accertamenti sanitari e contemporaneamente sorride bonario al codazzo trans sbucato dal nulla e guidato da Vladimir Luxuria. In mezzo al trambusto Tarocco il cartomante si accende dal fondo del locale una sigaretta.

E che si fotta Sirchia”, mugugna suggendo come se non vi fosse domani.

Tutt’attorno solo caos e distruzione.

Il geometra Zenone, nel frattempo, è arrivato tranquillo in fondo al quotidiano, nella sezione dei programmi televisivi.
Per fortuna stasera danno ‘Take me out’ ”, dice finendo di sorseggiare il suo caffè.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->