mercoledì, Giugno 23

Come vestire il neonato in estate I neonati soffrono molto più il caldo che il freddo e, quindi, il consiglio è quello di scegliere indumenti pensati proprio per i più piccoli come le tutine di cotone

0

L’estate è una stagione molto particolare dal punto vista delle temperature. E lo è ancor di più per i neonati che hanno bisogno delle giuste attenzioni per non incorrere in rischi piuttosto seri per la loro salute.

Le esigenze dei neonati sono ben diverse dalle nostre ed è bene tenere in considerazione che i neonati soffrono molto più il caldo che il freddo. Quindi, il consiglio è quello di scegliere indumenti pensati proprio per i più piccoli come le tutine cotone neonato online su Il Mondo di Leo. Si tratta di un capo molto utilizzato sia per praticità che per comodità. Tutte le tutine per neonato del Mondo di Leo vengono scelte con cura per soddisfare criteri di comodità, qualità ed attenzione nella confezione. Si trovano modelli realizzati con cotoni biologici di provenienza sicura, i bottoncini di chiusura sono nickel free e le colorazioni atossiche.

Oltre alle tutine, per le passeggiate è sempre importante portare con sé una copertina in mussola di cotone. Si tratta di un accessorio fondamentale nel caso in cui iniziasse a tirare un po’ di arietta fresca.

Il pannolino non deve mai mancare e quelli estivi sono realizzati con maggiore quantità di cotone e sono traspiranti, comodi e perfetti per la bella stagione. Inoltre, come consigliano gli esperti, è importante non lasciare il neonato mai nudo solo con il pannolino. Il cotone dei vestiti li aiuterà a mantenere il giusto calore addosso, e buttare fuori quello in eccesso. 

Gli indumenti in generale dovranno essere a mezze maniche, di cotone fresco e traspirante. Anche in estate è importante vestire il bimbo a strati, in modo che sotto abbia una tutina intera, e poi sopra possiate mettergli pantaloncini e magliette, per coprirli di più in caso faccia fresco o ci siano sbalzi di temperatura, come ad esempio quando si entra in un centro commerciale.

Durante la bella stagione è importante portare dietro sempre dei body di ricambio in modo da cambiare quello sudato quando serve. Tornando alle passeggiate all’aperto, non deve mai mancare il cappellino. Si tratta di un accessorio che aiuterà il vostro piccolo a ripararsi dal sole. Per il viso, come per tutte le parti rimaste scoperte dai vestiti, non dimenticate mai la crema solare.

Inoltre durante le passeggiate potrebbe essere utile lasciare libera la carrozzina, senza coprirla con lenzuolio altri accessori. Secondo una recente ricerca, infatti, coprire la carrozzina con un lenzuolino di cotone non fa più circolare l’aria e si crea un effetto serra che può portare la temperatura sotto il lenzuolino ad aumentare anche di 15 gradi. Quando fa molto caldo e si è esposti al sole cocente è bene tornare a casa oppure cercare un posto all’ombra dove lasciar dormire il piccolo senza esporlo direttamente al sole.

In ultima analisi, dobbiamo imparare a conoscere i comportamenti dei bambini. Questi hanno dei meccanismi biologici di termoregolazione che gli permettono di mantenere la temperatura interna dell’organismo costante nonostante le condizioni ambientali e le temperature esterne.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->