domenica, Agosto 1

Come vedere alla velocità della luce? I ricercatori del MIT hanno realizzato un sistema di visualizzazione in grado di 'rallentare' la luce

0

I ricercatori del MIT(Massachusetts Institute of Technology) hanno dato vita ad un sistema in grado di acquisire dati visivi ad una velocità di un trilione al secondo. Un sistema, dunque, abbastanza veloce per produrre un video in movimento rallentato di una scintilla di luce che percorre la lunghezza di una bottiglia da un litro, rimbalzando il tappo e riflettendo sul fondo della bottiglia.

Il sistema si basa su una cosiddetta “telecamera a strisce“. L’apertura della telecamera è una fessura stretta. Particelle di luce – i fotoni – entrano nella telecamera attraverso la fessura e vengono convertiti in elettroni, che passano attraverso un campo elettrico che li devia in una direzione perpendicolare alla fessura.

Per produrre i loro video super-lenti, Veltenil professor Lester Wolfe il professor Ramesh Raskar  devono eseguire lo stesso esperimento – come passare un impulso luminoso attraverso una bottiglia – riposizionando continuamente la fotocamera a strisce per costruire gradualmente un’immagine bidimensionale. Il tempo necessario affinché la luce attraversi la bottiglia è di un nanosecondo, ma occorre circa un’ora per raccogliere tutti i dati necessari per realizzare il video. Per questo motivo, Raskar ha soprannominato il nuovo sistema «la più veloce macchina fotografica più lenta del mondo».

(Video tratto dal canale Youtube Massachusetts Institute of Technology)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->