giovedì, Luglio 29

Come scegliere la chiave torx più adatta alle proprie necessità La scelta di questo tipo di strumenti dipende dalle proprie esigenze. A ogni modo, la dimensione della chiave deve corrispondere alla dimensione della vite da manovrare

0

‘Torx’ è il nome commerciale relativo a un tipo di vite con testa che presenta un incavo che ha la forma di una stella a sei punte, tanto che questo oggetto è noto anche come ‘vite a sei punte’ o ‘vite a stella’. Fu sviluppata dalla Camcar LLC di Acument Global Technologies, che sarebbe la ex Camcar Textron. Tale vite è standardizzata nella norma ISO 10664 (‘Sede interna esalobulare per bulloni e viti’). Le chiavi torx sono somiglianti ai cacciavite ma sono impiegate proprio per le viti torx, sono precise e affidabili.

Ecco cos’è una chiave torx

La chiave torx è usata per stringere e svitare viti e bulloni con testa a sei punte o a stella. Infatti, il protocollo torx fu sviluppato e brevettato per consentire di avvitare e svitare elementi di fissaggio a sei punte senza incorrere nel rischio di rompere l’incavo. Questo è, per l’appunto, quello che può accadere cercando di agire su una vite torx usando il semplice giravite.

Una chiave torx differisce da una brugola per l’estremità: la seconda prevede intagli esagonali piatti, mentre la torx presenta chiaramente la forma di una stella a sei punte e i lati appuntiti. Poi, dal punto di vista del design, le brugole esagonali normalmente hanno una sezione esagonale per l’intera lunghezza; invece, solitamente le chiavi torx presentano una sezione trasversale circolare e la forma torx solo agli estremi della chiave. È importante sottolineare il fatto che queste chiavi, ma come pure le brugole esagonali, potranno essere impiegate solo con bulloni o viti adeguate. La chiave torx non è uno strumento generico ma specifico per un determinato uso.

Scegliere la torx: le tipologie

Le chiavi torx sono disponibili in varie misure. Sono classificate in base a un sistema che prevede l’abbinamento della lettera ‘T’ maiuscola a un numero, che è il medesimo riportato, naturalmente, sulla vite corrispondente, vite a cui la chiave torx è destinata. Infatti, il meccanismo non funziona se si utilizza una misura di chiave torx che non corrisponde a quella della vite. Le grandezze in commercio sono varie, ci sono anche set di pezzi con diverse dimensioni da T1 a T100. In ogni caso, le più diffuse sono da T5 a T40. Le chiavi torx differiscono anche per la forma: a L, a T e poi c’è la chiave dritta.

La testa torx è stata ideata, in origine, per fare in modo che la chiave sia stabile, durante le operazioni di svitamento e stretta, e che non scivoli via dalla vite. Non è solo per praticità e comodità, oltre al fatto che impedire ‘slittamenti’ della chiave velocizza il lavoro a cui ci si sta dedicando. La fuoriuscita, non di rado, può causare danni alla vite ma anche all’oggetto su cui si sta lavorando.

Cosa comprare e dove

La scelta di questo tipo di strumenti dipende dalle proprie esigenze. Per esempio, si tenga presente che ci sono punte torx che possono essere usate con driver e cacciaviti elettrici. A ogni modo, intanto si ricordi che la dimensione della chiave deve corrispondere alla dimensione della vite da manovrare. Pertanto, tendenzialmente è meglio comprare un set piuttosto che il singolo pezzo: in tal modo si è pronti per varie necessità.

Per quando riguarda dove acquistare le chiavi a stella, si tenga presente che è possibile anche ordinarle online. Può essere un’opzione molto comoda. Si sceglie con calma e all’orario più pratico per le proprie esigenze, consultando il catalogo virtuale del sito e-commerce a cui ci si rivolge. Cliccando sul singolo prodotto, si possono leggere i dettagli relativi allo stesso. Una volta scelto, basta aggiungere al carrello.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->