mercoledì, Maggio 25

Come l’URSS ha seminato il risentimento tra gli ucraini nei confronti della Russia L’analisi di Emily Channell-Justice, Harvard University, Jacob Lassin, Arizona State University

0

L’Ucraina e la Russia condividono molto in termini di storia e cultura, infatti per lunghi periodi in passato i Paesi vicini facevano parte di imperi più grandi che comprendevano entrambi i territori.

Ma quella storia – soprattutto durante il periodo sovietico dal 1922 al 1991, in cui l’Ucraina è stata assorbita dal blocco comunista – ha generato anche risentimento. Le opinioni sui meriti dell’Unione Sovietica e dei suoi leader divergono, con gli ucraini molto meno propensi a vedere il periodo favorevolmente rispetto ai russi.

Tuttavia, il presidente Vladimir Putin continua a rivendicare le basi sovietiche per quella che vede come la “Russia storica” ​​- un’entità che include l’Ucraina.

Come studiosi di quella storia, riteniamo che un esame delle politiche dell’era sovietica in Ucraina possa offrire un utile obiettivo per capire perché così tanti ucraini nutrono un profondo risentimento nei confronti della Russia.

La carestia progettata da Stalin

Per tutto il XIX e l’inizio del XX secolo, l’Ucraina era conosciuta come il granaio dell’Europa e successivamente dell’Unione Sovietica. Il suo suolo ricco e gli ampi campi lo rendevano un luogo ideale per coltivare il grano che aiutava a sfamare l’intero continente.

Dopo che l’Ucraina fu assorbita dall’Unione Sovietica a partire dal 1922, la sua agricoltura fu soggetta a politiche di collettivizzazione, in cui la terra privata fu rilevata dai sovietici per essere lavorata in comune. Qualsiasi cosa prodotta su quelle terre sarebbe stata ridistribuita in tutto il sindacato.

Nel 1932 e nel 1933, una carestia devastò l’Unione Sovietica a causa della collettivizzazione aggressiva unita a scarsi raccolti.

Milioni di persone morirono di fame in tutta l’Unione Sovietica, ma l’Ucraina subì il peso maggiore di questo orrore. La ricerca stima che tra i 3 e i 4 milioni di ucraini morirono a causa della carestia, circa il 13% della popolazione, sebbene la cifra reale sia impossibile da stabilire a causa degli sforzi sovietici per nascondere la carestia e il suo tributo.

Gli studiosi notano che molte delle decisioni politiche del regime sovietico sotto Joseph Stalin – come impedire agli agricoltori ucraini di viaggiare in cerca di cibo e punire severamente chiunque prendesse prodotti dalle fattorie collettive – hanno peggiorato la carestia per gli ucraini. Queste politiche erano specifiche per gli ucraini in Ucraina, così come per gli ucraini che vivevano in altre parti dell’Unione Sovietica.

Alcuni storici affermano che le mosse di Stalin furono fatte per reprimere un movimento indipendentista ucraino e furono specificamente mirate agli ucraini etnici. In quanto tale, alcuni studiosi chiamano la carestia un genocidio. In ucraino, l’evento è noto come “Holodomor”, che significa “morte per fame”.

Il riconoscimento della piena portata dell’Holodomor e il coinvolgimento della leadership sovietica per le morti rimane una questione importante in Ucraina fino ad oggi, con i leader del paese che combattono a lungo per il riconoscimento globale dell’Holodomor e del suo impatto sull’Ucraina moderna.

Paesi come gli Stati Uniti e il Canada hanno rilasciato dichiarazioni ufficiali definendolo un genocidio.

Ma questo non è il caso in gran parte del resto del mondo.

Proprio come il governo sovietico dell’epoca negava che ci fossero decisioni che privassero esplicitamente l’Ucraina del cibo – notando che la carestia colpì l’intero paese – così anche i leader russi di oggi si rifiutano di riconoscere la loro colpevolezza.

Il rifiuto della Russia di ammettere che la carestia ha colpito in modo sproporzionato gli ucraini è stato considerato da molti in Ucraina come un tentativo di minimizzare la storia e l’identità nazionale ucraine.

Annessione sovietica dell’Ucraina occidentale

Questo tentativo di sopprimere l’identità nazionale ucraina continuò durante e dopo la seconda guerra mondiale. Nei primi anni dell’Unione Sovietica, il movimento nazionale ucraino era concentrato nelle parti occidentali dell’odierna Ucraina, parte della Polonia fino all’invasione nazista nel 1939.

Prima dell’invasione della Germania, l’Unione Sovietica e la Germania nazista stipularono un accordo segreto, con il pretesto del patto di non aggressione Molotov-Ribbentrop, che delineava le sfere di influenza tedesca e sovietica su parti dell’Europa centrale e orientale.

Dopo che la Germania invase la Polonia, l’Armata Rossa si trasferì nella parte orientale del paese con la scusa di stabilizzare la nazione in crisi. In realtà, l’Unione Sovietica sfruttava le disposizioni del protocollo segreto. I territori polacchi che ora compongono l’Ucraina occidentale furono incorporati anche nell’Ucraina sovietica e nella Bielorussia, inglobandoli nel più ampio mondo culturale russo.

Alla fine della guerra, i territori rimasero parte dell’Unione Sovietica.

Stalin iniziò a sopprimere la cultura ucraina in queste terre appena annesse a favore di una maggiore cultura russa. Ad esempio, i sovietici reprimevano tutti gli intellettuali ucraini che promuovevano la lingua e la cultura ucraine attraverso la censura e la reclusione.

Questa soppressione includeva anche la liquidazione della Chiesa greco-cattolica ucraina, una chiesa autogovernata che è fedele al papa ed era una delle istituzioni culturali più importanti che promuovevano la lingua e la cultura ucraine in questi ex territori polacchi.

Le sue proprietà furono trasferite alla Chiesa ortodossa russa e molti dei suoi sacerdoti e vescovi furono imprigionati o esiliati. La distruzione della Chiesa greco-cattolica ucraina è ancora fonte di risentimento per molti ucraini. Come studiosi, riteniamo che sia un chiaro esempio degli sforzi intenzionali dei sovietici per distruggere le istituzioni culturali ucraine.

L’eredità di Chernobyl in Ucraina

Proprio come il disastro ha segnato i primi anni dell’Ucraina come repubblica sovietica, così hanno fatto i suoi ultimi anni.

Nel 1986 un reattore nucleare della centrale nucleare di Chernobyl, gestita dai sovietici, nel nord dell’Ucraina è andato in crisi parziale. Rimane la peggiore catastrofe nucleare in tempo di pace che il mondo abbia mai visto.

Ha richiesto l’evacuazione di quasi 200.000 persone nelle aree circostanti la centrale. E fino ad oggi, circa 1.000 miglia quadrate dell’Ucraina fanno parte della zona di esclusione di Chernobyl, dove la ricaduta radioattiva rimane elevata e l’accesso è limitato.

Le bugie sovietiche per coprire l’entità del disastro – e i passi falsi che avrebbero limitato le ricadute – hanno solo aggravato il problema. Il personale di emergenza non ha ricevuto attrezzature o addestramento adeguati per affrontare il materiale nucleare.

Ha provocato un pesante bilancio delle vittime e un’incidenza superiore al normale di malattie indotte dalle radiazioni e complicazioni come cancro e difetti alla nascita sia tra gli ex residenti della regione che tra i lavoratori inviati per far fronte al disastro.

Altre repubbliche sovietiche e paesi europei hanno affrontato le ricadute di Chernobyl, ma sono state le autorità ucraine ad avere il compito di organizzare le evacuazioni a Kiev mentre Mosca ha tentato di coprire la portata del disastro.

Nel frattempo, l’Ucraina indipendente è stata lasciata a occuparsi delle migliaia di cittadini che hanno malattie croniche e disabilità a causa dell’incidente.

L’eredità di Chernobyl incombe nel recente passato dell’Ucraina e continua a definire la memoria di molte persone della vita nell’era sovietica.

Ricordi di un passato doloroso

Questa dolorosa storia della vita sotto il dominio sovietico fa da sfondo al risentimento in Ucraina oggi verso la Russia. Per molti ucraini, queste non sono semplicemente storie da libri di testo, ma parti centrali della vita delle persone: molti ucraini stanno ancora vivendo con le conseguenze sulla salute e sull’ambiente di Chernobyl, per esempio.

Mentre la Russia accumula truppe ai confini dell’Ucraina e la minaccia di un’invasione aumenta, molti in Ucraina potrebbero ricordare i tentativi passati del suo vicino di schiacciare l’indipendenza ucraina.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->