venerdì, Aprile 23

Come diventare Alejandra Vidal Soler Graham Una sfida vinta contro la società di allora per ottenere prosperità del settore

0

Alejandra Vidal Soler Graham è stato premiata per aver contribuito ad essere un allevatore Global Iowan Passaport del Centro Internazionale omonimo per la prosperità di tale settore.

Nata a Concordia, Argentina, Alex, così si fa chiamare, ha una laurea in amministrazione agricola e ha lavorato in Argentina per una grande azienda multinazionale. E’ emigrata a Miami nel 1997 e si mise a iniziare la sua propria azienda da zero, confrontandosi con molteplici ostacoli. A quel tempo, non c’era un mercato per il prodotto che Alex ha voluto sviluppare: animali, nutriti con erba, senza ormoni in più e senza antibiotici. La recessione economica e le malattie del bestiame l’ha portata a quella che sembrava una sfide insormontabile. Alex poi ha incontrato il marito e si è trasferita in Iowa nel 1998. E’ stato in Iowa che ha preso lezioni di inglese, per conoscere internet e dove ha iniziato il processo lungo e solitario per stimolare ad investire nei suoi affari. Molti investitori non riuscivano a capire la sua pronuncia della lingua inglese, dopo centinaia e centinaia di chiamate si potrebbe supporre che Alex avrebbe rinunciato nell’impresa, ma sapendo che coraggio, unità, intelligenza, l’energia e la determinazione assoluta si possono raggiungere ha perseverato.

Alex ha investito circa $ 10.000 e costruito in un business multi-milionario di dollari, con un movimento merci di tremila chili di carne in aereo una settimana, oggi arrivato ad un milione di sterline a settimana. La sua società, sudamericano Manzo Inc., ha ampliato “i suoi prodotti dall’acquisto, all’importazione e vendita di carni bovine di alta qualità per agnello, capretto, montone, vitello, maiale, coniglio, pesce e pollame. . . La diversificazione è la chiave del nostro successo “, come azioni Alex, perché “in questo mercato le cose possono cambiare ogni giorno“. Un’altra chiave del suo successo è la sua “integrità impeccabile: la mia parola è tutto “, spiega Alex.

Alex attualmente siede nel consiglio di amministrazione del Consiglio Meat Importers of America (MICA), l’unica imprenditore femmina, con un prestigioso appuntamento che ha portato con sé un successo ancora maggiore e di business clienti. Alex definisce il successo come “le offerte che fanno” si tratta di concorrenti; si tratta di “non avere paura di prendere il pesce grosso!” Si tratta anche di restituire, aiutare le persone a crescere e svilupparsi se stessi, che impiega gli immigrati provenienti da tutto il mondo in azienda. Il successo non ha niente a che vedere con le prime chiamate a freddo; la sua azienda, come osservato in un recente pubblicazione di business su di lei ” ha cercato raramente di cercare nuovi business. La maggior parte dei nuovi mercati della società si è avvicinata Vidal-Soler e al suo team di opportunità“, un successo anche per lo stato dello Iowa, dove lei porta redditi elevati. Alex è andato come delegato del Governatore Branstad, rappresentando lo Stato dello Iowa in una missione di sviluppare ulteriormente il commercio in Brasile e Cil

Gli immigrati in Iowa sono arrivati per molte ragioni, spesso per cercare una vita migliore. Per aiutare Alex nel percorso, gli insegnanti del bisnonno, presidente dell’Argentina e alla cui famiglia è stata una grande azienda e lo sviluppo della terra nel paese, che ha lasciato una vita di privilegio per l’opportunità di mettersi in proprio.

Alex vive a Urbandale con il marito, Scott Graham, e il suo unico ragazzo di anno,  Alexander. Ad Alex è stata affidata un onorificenza (honoree) da Deniz Franke (anche lei ex honoree) ed è sostenuta da Anabel Herrera Diaz, Marcia Wanamaker, Loretta Sieman e Grant Ferguson.

(tratto dal canale ‘Youtube’, con video di ‘Iowa International Center’s’)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->