martedì, Dicembre 7

Come costruire un business data-driven con le ricerche di mercato Imparare a superare i vecchi approcci di analisi di mercato, proprio come hanno già fatto diverse aziende di successo, decidendo di sfruttare i big data online per impostare innovative strategie data-driven

0

Quello che ogni azienda, oggi, può e deve fare per essere in grado di prendere decisioni corrette è sfruttare l’enorme potenziale dei dati: in particolare le opportunità offerte dai Big Data online. Per riuscirci non basta raccogliere dati ma è indispensabile costruire un business data-driven.

Ma che cosa è esattamente un business data-driven? In estrema sintesi possiamo definirlo come quella organizzazione che opera seguendo una strategia aziendale guidata dai dati.

Perché lasciarsi guidare dai dati? Perché se raccolti, elaborati e interpretati correttamente, i big data online sono senza dubbio lo strumento più utile e potente per minimizzare gli errori e compiere scelte più affidabili.

In questo caso sono i dati ottenuti dalle interazioni degli utenti online a direzionare le decisioni aziendali, partendo da accurate analisi di mercato per capire quali sono le esigenze dei clienti potenziali e in che maniera soddisfarle al meglio. In questo modo è possibile creare strategie di marketing mirate, realizzando attività personalizzate in base al target di utenti con un elevato livello di precisione.

Solo in questo modo è possibile muoversi in modo più efficiente sul mercato, ottimizzando i costi aziendali e massimizzando le performance di ogni azione intrapresa, per aumentare il ritorno sull’investimento grazie ai dati online. La pandemia (e le sue conseguenze) negli ultimi mesi hanno dimostrato quanto ogni mercato possa essere soggetto ad autentici tsunami in grado di ridefinirne lo status nel giro di poche settimane.

I vantaggi che si possono ottenere con un business data-driven sono molteplici, con benefici significativi in termini di acquisizione di nuovi clienti, soddisfazione e fidelizzazione dei clienti già acquisiti, brand reputation, crescita del fatturato e dei guadagni. E, soprattutto, si tratta di obiettivi raggiungibili e consolidabili nel medio e lungo periodo.

Le ricerche di mercato avanzate per le strategie data-driven

Tuttavia, costruire un business con il modello data-driven significa imparare a superare i vecchi approcci di analisi di mercato, proprio come hanno già fatto diverse aziende di successo (da Spotify a Jaguar Land Rover solo per citarne alcune), decidendo di sfruttare i big data online per impostare innovative strategie data-driven.

Si tratta di soluzioni avanzate, proprio come le ricerche di mercato effettuate da CMI (Central Marketing Intelligence), agenzia specializzata nelle analisi evolute e approfondite dei dati realizzate attraverso competenze specializzate e potenti strumenti di data analysis per studiare e interpretare correttamente i Big Data online.

Un metodo all’avanguardia consente di analizzare in modo efficiente diversi tipi di dati online generati dagli utenti, con la possibilità di acquisire informazioni e insight essenziali sui clienti in target, la concorrenza e il mercato di riferimento. Questo lavoro permette di conoscere a fondo quali sono le necessità della clientela in linea con il proprio business, per migliorare la percezione del brand e proporre prodotti e servizi adatti alle aspettative del proprio target di clienti.

Una volta ottenute le informazioni è possibile pianificare strategie vincenti e personalizzate di marketing, per essere capaci di battere la concorrenza e sapere come operare in modo intelligente sul mercato, partendo da report dettagliati e affidabili sulle preferenze e i trend dei potenziali clienti. Lo studio dei Big Data è un’operazione complessa, per questo motivo è indispensabile rivolgersi ad agenzie altamente qualificate in questo campo, in grado di fornire indicazioni specifiche in base agli obiettivi aziendali prefissati.

Le ricerche di mercato possono essere realizzate con diversi strumenti: uno dei più efficaci è il social listening, metodo perfetto per intercettare e analizzare le conversazioni pubbliche degli utenti sui social network, nel massimo rispetto della privacy degli utenti.

Allo stesso modo, è possibile utilizzare software e tool specifici per studiare i dati sui motori di ricerca, analizzando le ricerche d’interesse effettuate dai clienti in target per estrapolarne insight utili per lo sviluppo del business. Scoprire cosa cercano i tuoi potenziali clienti e come lo cercano è un’arma formidabile per la pianificazione del lancio di nuovi prodotti o riposizionamento di mercato dei prodotti e servizi attuali.

L’importanza dei dati per la creazione di strategie data-driven di successo

Alla luce di tutto questo è evidente che il ruolo dei dati oggi più che mai è fondamentale per creare un business data-driven di successo. Semplicemente i dati sono essenziali per lo sviluppo di ogni azienda e non c’è business – grande o piccolo, nuovo o avviato che sia – che possa prescindere da queste informazioni per posizionarsi correttamente sul mercato in base agli obiettivi di breve e lungo termine.

Ovviamente non tutte le imprese riescono a vincere questa sfida. Non perché i dati non siano accessibili, anzi, ma spesso perché manca una strategia vincente e non vengono valorizzati i Big Data online all’interno dei processi decisionali dell’azienda.

La mancanza di un’accurata pianificazione, oppure l’uso di una strategia inefficace, comporta una progressiva perdita di competitività, l’aumento dei costi e la perdita di controllo nell’interazione tra l’azienda e il target di clientela. Raggiungere i propri goal in queste circostanze diventa quasi impossibile, soprattutto quando si opera in settori complessi con un livello di competitività elevato, in cui è indispensabile invece ottimizzare i processi decisionali con un approccio data-driven.

Insomma, lo studio professionale dei Big Data da un lato è necessario per comprendere le esigenze dei clienti in target con il proprio business, analizzare i concorrenti attraverso strumenti avanzati di competitive intelligence e capire i trend del mercato più promettenti e utili per la crescita aziendale. Dall’altro, i dati online possono fornire le informazioni giuste per un business vincente, affidabile e resiliente.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->