lunedì, Novembre 29

Come ci si può adattare a tornare in ufficio nell’Italia della post-pandemia Ora che ci si è quasi tutti vaccinati, tornare in ufficio potrebbe rivelarsi un'impresa stressante. Ecco qualche consiglio per adattarsi

0

Gli anni 2020 e 2021 sono stati diversi da quelli che abbiamo sempre vissuto perché la pandemia ha reso gli incontri sociali una cosa del passato e le persone in tutta Italia sono state costrette a iniziare a lavorare da casa. Sembra che la nostra vita lavorativa sia stata una delle cose più colpite durante tutta la pandemia, perché prima il lavoro avveniva spesso in un ambiente incredibilmente sociale in cui stare e il cambiamento è stato accelerato in modo notevole con l’aumento dei casi e l’imposizione del lockdown.

Indipendentemente da quello che hai fatto durante la pandemia, se hai lavorato a distanza o sei stato licenziato, ora che ci si è quasi tutti vaccinati non c’è dubbio che tornare in ufficio potrebbe rivelarsi un’impresa stressante. Questo articolo è stato creato al fine di fornire alcuni dei migliori consigli per adattarsi al ritorno in ufficio in un’Italia post-pandemia.

Perché tornare in ufficio potrebbe essere stressante?

È stato un anno di sventura e tristezza in cui le persone sono state chiuse nelle loro case e tutto ciò che le notizie sembravano avere da offrire è ancora più sventura. Le persone hanno cominciato ad avere una visione negativa nel lasciare la loro casa e nel riavvicinarsi alla normalità. Questo atteggiamento si chiama ansia da lockdown.  

Non è una sorpresa, dato che gran parte della vita quotidiana delle persone si è svolta online, e mentre alcune di queste possonoessere divertenti, come visitare siti di gioco d’azzardo online come vogliadivincere.it, molte altre attività online hanno paralizzato la vita sociale delle persone. Ci sono però dei modi per affrontare lo stress del ritorno in ufficio.

Come ci si può adattare?

Ci sono molti modi diversi per adattarsi a lavorare di nuovo in ufficio. Questi includono:

conoscere come funziona la propria mente

Dovresti prenderti un minuto per chiederti come ti senti in realtà e venire a patti con i tuoi sentimenti riguardo il tuo ritorno in ufficio. Sei entusiasta di tornare alla normalità o c’è un po’ di ansia? Se ti prendi un momento per riconoscere veramente i tuoi sentimenti e le tue emozioni e come sono stati influenzati dalle circostanze e dalle restrizioni e dalla loro successiva sospensione sarai molto più sicuro sui prossimi passi da compiere. Questi ultimi due anni sono stati difficili per tutti, quindi non c’è niente di sbagliato nel sentirsi ansiosi, e se lo sei, allora potresti voler discutere questi sentimenti con un collega o un amico.

Fai un piano

Le prime due settimane andranno molto più lisce se ti prenderai il tempo di tracciare un vero e proprio piano che potrai seguire. Non cercare di fare troppe cose in una volta, prenditi un minuto di tempo e prendi nota dei modi migliori per affrontare il ritorno in ufficio. Quando stabilisci un piano, ti dai anche una lista di obiettivi – raggiungerli ti darà una grande spinta per la tua salute mentale.

Continua a seguire i consigli su mascherine, distanziamento sociale e test

La maggior parte delle restrizioni governative potrebbe essere allentata, ma praticare cautela continuerà ad aiutarti nell’affrontare la vita di tutti i giorni. Tra questi comportamenti ricordiamo il sottoporsi regolarmente ai test, indossare una mascherina se si è in un luogo pubblico e anche mantenere il più possibile le distanze sociali (specialmente quando si è di nuovo in ufficio). Facendo un po’ più attenzione alla tua vita quotidiana, renderai il ritorno in ufficio molto più facile.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->