domenica, Aprile 18

Come cambierà West Ashley? field_506ffbaa4a8d4

0

Le sue strade principali sono ben illuminate, appena asfaltate e con mediane paesaggistiche, e piene di segni di prossimo sviluppo che vantano le immagini degli alberghi futuri, edifici per uffici e strisce di vendita al dettaglio.

Nella città di Charleston è in programma un progetto ‘streetscaping’ per Sam Rittenberg Boulevard per contribuire a migliorare la propria immagine e, in definitiva attirare ristrutturazioni prettamente commerciali a West Ashley. Inserire un gateway simile in altri sobborghi di Charleston, West Ashley, creerebbe una scena diversa: una serie di centri obsoleti e vacanti centri commerciali, parcheggi scarsamente illuminati e fili elettrici aerei. Sembra che ci siano più segni commerciali immobiliari per dire “Fai leasing ora” piuttosto che “Coming soon” cinematografici.

“Guardando West Ashley vedevamo le imprese che lasciavano le zone per andare in centri commerciali ed essere liberate dal provincilismo, come un vero e proprio run-down. Siamo soltanto un po’ stanchi di tale situazione“, ha detto Eric Willson, che ha vissuto in Hunt Club , un sobborgo del West Ashley per più di 20 anni.

E’ l’immagine della città di Charleston che si spera di aggiornare nei prossimi anni con la recente e  presto completata Strategia di Sviluppo Economico del West Ashley, introdotta nel mese di febbraio come un piano a lungo termine per migliorare le strade e incoraggiare i lavori di ristrutturazione presso i maggiori centri commerciali, come la Citadel Mall. In un incontro pubblico lunedì scorso, i residenti cercheranno di far capire come la città ha imparato a contenere la dispersione nei sobborghi con le soluzioni a breve e lungo termine per le sfide dello sviluppo della zona.

West Ashley è stato uno dei luoghi più desiderabili nei quali vivere dal 1950 al 1970, quando molti dei suoi quartieri residenziali e centri commerciali sono stati costruiti, come Ashley Plaza, ora conosciuto come Ashley Landing.

I principali comuni che controllano West Ashley hanno rivolto la loro attenzione ad altre aree dal 1990, il borgo è diventato molto più esteso. Sebbene West Ashley ha avuto una crescita costante per la zona residenziale nel corso degli ultimi decenni, non è stata così rapida come in altri sobborghi, secondo l’analisi di mercato per Permar Inc., un consulente assunto dal Comune. Le aree principali sono state arricchite di catene di negozi e massicci parcheggi ben prima del nuovo millennio, quindi la maggior parte sviluppatori commerciali si sono ancorati a nuovi progetti in quartieri in rapida crescita, come quello di Summerville e Mount Pleasant.

Ora, stiamo ricostruendo e per certi versi riproponendo quella combinazione di infrastrutture privato- pubblico con una serie robusta e solida di quartieri adiacenti, ha detto il sindaco di Charleston, Joe Riley E a differenza di Mount Pleasant o Summerville stiamo studiando altri modelli nazionali. E’ davvero un’interessante opportunità.”
Peter Shahid ritiene che il Comune dovrebbe attuare un Master Plan che rivitalizzi le strade principali e favorisca la crescita delle imprese e la riqualificazione economica delle nostre aree commerciali di tali zone della città.

(tratto dal canale ‘Youtube’, con video di un utente)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->