sabato, Dicembre 4

Come autoescludersi dal gioco d’azzardo online? Vuoi smettere di scommettere online e cerchi una soluzione per tutto questo? Scopri come autoescludersi dal gioco d'azzardo online!

0

Hai un problema con il gioco d’azzardo e hai bisogno di autoescluderti dai casinò online? Non riesci a gestire le tue emozioni e punti più di quanto dovresti? I nostri esperti in questa guida ti indicheranno step-by-step tutto quello che dovrai fare per essere escluso dalle scommesse online.

Perché escludersi dal gioco d’azzardo online?

Scommettere online può essere un’esperienza molto divertente. Sono milioni i giocatori nel mondo che ogni giorno piazzano le loro scommesse nella speranza di ottenere delle vincite interessanti. I giochi dei casinò online possono regalare delle emozioni e un’adrenalina che difficilmente si trova in altre parti. I veri problemi sorgono nel momento in cui non si riescono più a gestire queste emozioni e si gioca in modo pericoloso.

Ci sono molte persone che non riescono a gestire il loro budgete presi dall’euforia o dallo stress scommettendo più di quanto dovrebbero. Questo modo di agire nel lungo periodo potrebbe diventare molto pericoloso per il giocatore. Proprio per queste ragioni se non si riesce a giocare in modo responsabile, una scelta saggia potrebbe essere quella dell’autoesclusione.

Cos’è l’autoesclusione?

L’autoesclusione non è altro che un provvedimento che si richiede all’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli – ADM, per impedire il piazzando di ulteriori scommesse su bookmakers e casinò online. L’autoesclusione può essere principalmente di due tipologie:

• Temporanea: questa può essere di 30, 60, 90 giorni;
• A tempo indeterminato;

In entrambi i casi il giocatore durante il periodo indicato non potrà aprire un nuovo conto sui siti di scommesse. Se ha un conto già attivo non potrà più piazzare scommesse e neanche depositare. L’unica cosa che potrà fare sarà quella di ritirare eventuali vincite ottenute in precedenza, quindi prima dell’autoesclusione.

Alla scadenza del periodo indicato nell’autoesclusione temporanea il giocatore potrà richiedere una proroga oppure potrà tornare a scommettere. Questa è consigliata soprattutto a tutti gli scommettitori che vogliono staccarsi per un po’ di tempo da questo mondo ma non definitivamente.

Per quanto riguarda quella a tempo indeterminato invece dura per sempre. Questo significa che il giocatore potrà fare solo dopo 6 mesi una richiesta di revoca dell’autoesclusione e non è detto che questa vanga accettata dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli.

Come attivare l’autoesclusione?

L’autoesclusione si può attivare attraverso il portale ADM, precisamente al seguente link: https://www.adm.gov.it/portale/loginspid.

Dovrai selezionare la scheda SPID e chiedere l’attivazione o la revoca dell’autoesclusione. Questa autoesclusione è valida su tutti i bookmakers che hanno una licenza AAMS, ovviamente bisognerà indicare anche la durata. Per qualsiasi informazione comunque il sito dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli mette a disposizione una sezione FAQ.

Inoltre è presente un numero verde messo a disposizione per tutte le persone che necessitano di un supporto: 800558822.

L’autoesclusione può essere richiesta anche contattando l’assistenza del singolo casinò online. In questo caso però l’autoesclusione avrà valenza solo su quel casinò e non sugli altri.

Cosa succede se il giocatore vuole revocare l’autoesclusione?

Ci possono essere dei casi in cui il giocatore stesso richiede la revoca dell’autoesclusione. Se si parla di autoesclusione temporanea per la revoca non dovrà far altro che attendere il periodo indicato. Se invece si tratta di revoca a tempo indeterminato potrà farne richiesta all’ADM che deciderà se accoglierla o meno.

Ci sono però altri metodi per continuare a scommettere nonostante la revoca, uno di questi è utilizzando i bookmakers stranieri. Questi siti infatti non hanno una licenza AAMS e quindi non devono sottostare al regime proposto da questo ente. Secondo l’esperto Romeo Rossi del sito onlinecasinostranieri.com, l’autoesclusione può essere revocata seguendo questi step:

1. Accedi ad un sito senza licenza AAMS;
2. Crea un account su questo sito;
3. Deposita denaro reale su questo sito;
4. Sfrutta i bonus;
5. Inizia a scommettere.

I siti non AAMS sono affidabili e hanno delle licenze valide a livello internazionale. Quindi potrai godere della stessa esperienza di gioco di un sito con licenza AAMS e potrai scommettere senza alcuna limitazione.

Quali sono le differenze fra i siti AAMS e non AAMS?

La prima differenza è sicuramente la licenza. Infatti i casinò online stranieri presentano delle tipologie di licenze differenti. Altra differenza riguarda il regime di autoesclusione che non varrà su quei siti che non hanno licenza AAMS. Inoltre i bookmakers stranieri nonostante abbiano una licenza riconosciuta non sono legali per i giocatori italiani.

Sui siti non AAMS infine puoi scommettere anche su moltissimi giochi che spesso non sono presenti su altri siti. Infine i bonus e le quote sono spesso maggiori proprio perché questi non pagano tasse in Italia. Stai molto attento però, perché a differenza di quanto avviene nei casinò AAMS, in questo caso dovrai pagare le tasse sulle tue vincite.

Conclusioni

Se vuoi tornare a scommettere nonostante il regime di autoesclusione, non ti resta che richiedere la revoca oppure scegliere uno dei casinò stranieri presenti online.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->