domenica, Giugno 20

Colombia, Santos si difende dalle accuse di corruzione

0

Il Presidente della Colombia, Juan Manuel Santos, è tornato a parlare in una lunga intervista al quotidiano ‘El Tiempo’. Tanti i temi in ballo, ma soprattutto c’è quello riguardante il caso Odebrecht, una presunta corruzione con un finanziamento di un milione di dollari circa al suo comitato elettorale nel 2014.

La Oderbrecht è una multinazionale brasiliana molto forte nel settore delle costruzioni e presente anche in Colombia dove sta realizzando alcune infrastrutture stradali. Secondo l’ex senatore Otto Bula si è di fronte ad un presunto finanziamento illecito. Ma Santos si difende così, tirando in ballo proprio lo stesso Bula: «La verità salirà a galla ma il danno di immagine è fatto. Il responsabile della campagna elettorale mi ha sempre detto che abbiamo rispettato la legge, forse qualcuno ha interesse a mentire. Mi dicono che il soggetto sia nel mirino di indagini dell’agenzia antidroga americana, la Dea, e alla luce di quanto sta accadendo qualcuno nelle istituzioni avanza la richiesta di sospendere le licenze di costruzione alla Odebrecht. Io però devo difendere gli interessi del mio Paese contro la corruzione ma allo stesso tempo devo fare in modo che le grandi opere, importanti per lo sviluppo della Colombia, non si paralizzino».

Tanto più che il settore delle infrastrutture è quello che cresce di più in Colombia. E lo conferma lo stesso Santos: «Solo quest’anno c’è stato un incremento dell’8%. Abbiamo un programma molto ambizioso facendo tutto il possibile per evitare la corruzione negli investimenti. Il 2016 è stato un anno difficile ma per fortuna l’occupazione non è calata».

Importante soprattutto il processo di pace con le Farc, che «porterà nuovi investimenti e più lavoro come ad esempio nel settore del turismo, che è quello che ha avuto la reazione più rapida alle opportunità che porterà la fine del conflitto. Non c’e’ nessuno studio che stabilisca una relazione positiva tra pace e crescita economica ma la fine della guerriglia con le Farc porterà senza dubbio più soldi e più presenza dello Stato sul territorio».

Per quanto riguarda il 2017, annuncia Santos il programma Colombia Repunta (Colombia decolla, ndr): «Sarà un grande impulso alla nostra economia. Tutti gli analisti concordano che questo sarà un buon anno e con questo programma porteremo risultati migliori».

(video tratto dal canale Youtube di Al Jazeera)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->