mercoledì, Aprile 14

Colombia: ecco NC News, la tv (online) degli ex Farc Viene trasmessa solo sulla Rete attraverso il suo canale Youtube e la pagina Facebook.

0

I ribelli delle Farc in Colombia sono passati dalla battaglia alla notizia. Le forze armate rivoluzionarie della Colombia hanno smobilitato nel 2016 dopo aver firmato un accordo di pace, e migliaia di ribelli stanno cercando di rientrare nella vita civile. Molti sono alla ricerca di nuovi progetti, e per alcuni, questo è il giornalismo.

Manuel Bolivar è il direttore del canale di notizie creato da alcuni ex Farc e chiamato Nueva Colombia Noticias, o NC News. «Molti di quelli che siedono con me qui erano con me in montagna a fare un bellissimo lavoro in un programma radiofonico. E vederlo ora crescere come NC News porta molte soddisfazioni», ha spiegato a ‘CGTN‘.

Gli ex ribelli delle Farc ora entrano nel congresso per intervistare i politici della Colombia e chiedono ai colombiani ogni giorno le loro opinioni sull’attualità. NC News viene trasmessa solo online attraverso il suo canale Youtube e la pagina Facebook.

Il canale ha 25 membri del team a Bogotà e diversi giornalisti in tutto il Paese, compiendo reportage dalle 26 zone di smobilitazione. La loro formazione sui media arriva invitando professionisti esterni a collaborare e tenendo corsi in istituzioni governative sovvenzionate.

(video tratto dal canale Youtube di Al Jazeera)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->