domenica, Novembre 28

Colombia, lotta alla cocaina con sequestri record Il presidente Santos: 'Il più grande sequestro di cloridrato di cocaina effettuato dalla polizia in una sola operazione, in tutta la storia del Paese'

0

La Colombia ha un problema con la cocaina. Ormai è una lotta quotidiana, che non smette di sorprendere. La polizia, impegnando ben 400 agenti, ha sequestrato nei giorni scorsi 12 tonnellate di cocaina nascoste nei terreni agricoli di Urabà, una regione al nord del Paese. Il carico avrebbe fruttato 360 milioni di dollari.

«Un’operazione di proporzioni storiche», ha detto il presidente Juan Manuel Santos, «il più grande sequestro di cloridrato di cocaina effettuato dalla polizia in una sola operazione, in tutta la storia della Colombia».

Secondo le autorità colombiane, l’enorme carico di droga apparteneva a Dairo Antonio Usuga, ex guerrigliero dell’Esercito Popolare di Liberazione (Epl), ed ex membro del gruppo paramilitare Autodefensas Unidas de Colombia (Auc). Oggi è considerato il boss del Clan del Golfo, un’organizzazione criminale dedita al narcotraffico e ai sequestri di persona.

Si tratta davvero di un quantitativo incredibile, ma come sottolinea lo stesso Santos, si procede ogni volta verso nuovi primati: «L’anno scorso abbiamo sequestrato una quantità record di droga, ma con questa operazione l’abbiamo già battuto, quando mancano ancora due mesi alla fine del 2017».

(video tratto dal canale Youtube della BBC)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->