Colombia, elezioni presidenziali: cambiare, ma per andare dove? Il ballottaggio presidenziale tra Gustavo Petro e Rodolfo Hernandez è uno scontro tra due modi di intendere e proporre il 'cambiamento' diametralmente opposti. Una “elezione presidenziale diversa da tutte le altre” che deciderà il futuro del Paese, secondo gli analisti

La Colombia -terzo Paese più grande dell’America Latina- non ha mai avuto un Presidente di sinistra, il Paese è sempre stato governato da élite di destra. Il 19 giugno potrebbe segnare la fine di questo record.Domenica 19 giugno, infatti, i colombiani saranno chiamati al voto per l’elezione del nuovo Presidente nel corso di un ballottaggio che vede contrapposti: Gustavo Petro, senatore di sinistra, e Rodolfo Hernandez, populista conservatore.

I due candidati non potrebbero essere più diversi.
Gustavo Petro, 62 anni, senatore, ex sindaco di Bogotà ed ex guerrigliero membro del gruppo armato M-19, che nel primo turno ha ottenuto il 40,3% dei voti.
Petro ha promesso aumenti delle tasse per i 4.000 colombiani più ricchi, espansione dei programmi sociali e dice di voler porre fine a un modello economico basato su petrolio (nessuna più nuova esplorazione petrolifera) e carbone, puntando invece su di una politica climatica progressista, spostando il Paese verso le energie rinnovabili.
Le sue promesse elettorali hanno sconvolto la classe economica del Paese.

Il candidato propone poi politiche re-distributive come l’istruzione superiore gratuita, un sistema sanitario pubblico universale, salario minimo per le madri single.
Gli analisti sottolineano che Petro sta superando le sue precedenti tornate di voto presidenziali, in gran parte a causa della coalizione che guida, Pacto HistóricoColombia Puede‘. Costituita nel febbraio 2021, è la più grande coalizione di movimenti sociali e organizzazioni politiche nella storia della Colombia e ha dato slancio alla sua campagna.
Petro è stato aiutato anche dal crescente profilo nazionale della candidata alla vice-presidenza, Francia Marquez, arrivata seconda dietro Petro nelle primarie per scegliere il candidato del PactoHistórico, correndo come capo di un movimento di ampio respiro che rappresenta gruppi che sono stati a lungo esclusi dal potere politico in Colombia. Francia -che è pronta a diventare la prima vicepresidente donna nera del Sud Americasostiene politiche volte a responsabilizzare i colombiani neri, poveri e indigeni. Ha anche un forte sostegno tra studenti, altri giovani colombiani e membri della comunità LGBTQ del Paese. Sia Francia che Petro sono visti come sfide alla politica dello status quo in Colombia.
«Gli oppositori politici di Petro sostengono che la sua presidenza potrebbe trasformare la Colombia inun altro Venezuela‘ caratterizzato, dal loro punto di vista, da un regime dittatoriale che ha spinto il Paese in una crisi umanitaria ed economica. EppurePetro ha ripetutamente insistito sul fatto di essere un progressista che cerca il cambiamento attraverso mezzi democratici. La sua piattaforma combina riforma agraria, tassazione progressiva, energia pulita ecologica, sviluppo economico sostenibile e investimenti statali nell’istruzione pubblica e nell’assistenza sanitaria».
La candidatura di Petro ha galvanizzato comunità che spesso si sono sentite dimenticate, compresi i giovani, i poveri, le campagne, gli afrocolombianie gli indigeni.
La sua campagna ha attinto alla disperazione e alla rabbia di coloro che sono scesi in piazza lo scorso anno in massicce proteste a livello nazionale. Ma haanche generato il panico tra alcuni nell’establishment politico e finanziario conservatore, che avvertono che una presidenza Petro metterebbe a dura prova le relazioni con gli Stati Uniti. Altri prevedono che non sarà in grado di mantenere le sue promesse con una legislatura divisa.

Lo sfidante a sorpresa di Petro è l’outsider uomo d’affari milionario e magnate immobiliare Rodolfo Hernandez, che al primo turno ha ottenuto il 28%. Proprio nelle ultime settimane, i social media hanno contribuito a promuovere la popolarità del candidato indipendente. Hernandez, descritto come ‘il Trump della Colombia’, si candida come un candidato pro-business e anti-establishment con un’agenda anti-corruzione.
Potrebbe raccogliere i voti dei conservatori tradizionali, compresi i centristi, preoccupati all’idea di avere un ex guerrigliero come Presidente. Intanto è il favorito a raccogliere la maggioranza dei 5 milioni di voti andati al terzo classificato al ballottaggio del 29 maggio, il candidato di destra Federico Gutierrez. Hernandez è stato fortemente appoggiato dall’élite politica di destra colombiana.

77 anni, promette diprosciugare la palude di politici corrotti, sradicare la corruzione del governo, tagliare i costi e ridurre il deficit nazionale. Si oppone al fracking e suggerisce di potenziare le infrastrutture nelle aree rurali. Si per lo più rifiutato di partecipare a dibattiti e manifestazioni pubbliche, e si è guadagnato un seguito grazie a stravaganti video TikTok creati da un team di ‘giovani maghi’ dei social media.
Hernández offre un’alternativa che
fa appello sia agli elettori anti-Duque che a quelli anti-Petro. Ma le sue politiche sono vaghe e gli mancano le alleanze, affermano gli osservatori internazionali.
Hernández è stato
accusato dal procuratore generale della Colombia di aver distribuito in modo improprio contratti di gestione dei rifiuti a beneficio di suo figlio. Nega le accuse ma dovrebbe affrontare il processo a luglio, poche settimane prima dell’insediamento del prossimo Presidente. Lui si presenta come un outsider che combatte la corruzione e corre contro l’establishment politico. Nega 200 accuse di corruzione, ma alcuni analisti legali sostengono che ci sia una solida causa contro di lui.
Nel frattempo, la sua riluttanza ad affrontare dibattiti elettorali con il suo sfidante -si è prestato a uno solo, perchè gli è stato ordinato dal Tribunale– unita alle affermazioni di voler
destituire il potere legislativo e di dichiarare lo stato di emergenza non appena sarà eletto, mette in mostra il suo lato autoritario all’elettorato.

L’unica cosa che accomuna i due candidati è che entrambi promettono il cambiamentoradicale rispetto allo status quo. Ma ciò che intendono i due intendono per cambiamento è molto diverso. Sono due modelli opposti di cambiamento quelli che domenica si sfideranno. «I due contendenti hanno opinioni sul passato, presente e futuro del Paese che sono agli antipodi», afferma Agustin Lao-Montes, professore associato di sociologia e studi afroamericani alla University of Massachusetts Amherst.

Alla vigilia molti gli elettori ancora indecisi. Mentre anche gli ultimi sondaggi -che, come prevede la legge colombiana, sono vietati negli ultimi giorni- davano i candidati testa a testa, tanto che nessuno azzarda previsioni sui risultati. Questa situazione di virtuale parità, secondo gli analisti, potrebbe scatenare violenze post-elettorali, perchè il candidato perdente o i suoi sostenitori potrebbero contestare i risultati e incitare ai disordini. Uno dei candidati, quallo che risulterà perdente al primo conteggio, potrebbe chiedere un riconteggio nel caso di un risultato molto vicino.
La campagna di Petro, in particolare, ha insistito sul rischio di brogli elettorali, affermando che le autorità elettorali colombiane non sono state neutrali nella corsa. E qualsiasi accenno di illecito potrebbe facilmente innescare un ritorno delle proteste di piazza, prevedono gli analisti.

Il messaggio di destra di Hernandez«evidentemente fa appello a molti colombiani ed è stato sostenuto dai conservatori dell’establishment eliminati al primo turno di votazioni che hanno assicurato il loro sostegno». La sua autopresentazione come un outsider che combatte l’establishment politico «fa appello anche a molti elettori che sono stanchi di un sistema politico che non ha risolto la violenza, la povertà e la corruzione che permeano il Paese». «Al contrario,molti analisti dei media mainstream in Colombia hanno suggerito che la campagna di Petro potrebbe aver raggiunto il picco al primo turno e che avrà difficoltà a crescere molto al ballottaggio». I leader della Hope Center Coalition hanno pubblicamente sostenuto Petro dopo che il loro candidato è arrivato quarto il 29 maggio. Ma i 900.000 voti che il candidato centrista ha ottenuto impallidiscono rispetto ai 5 milioni di voti che sono andati al candidato conservatore dell’establishment Federico Gutiérrez, al terzo posto, che da allora ha approvato Hernández.» afferma Lao-Montes.

Nelle ultime ore, la Polizia colombiana ha arrestatopresunti attivisti politici con l’accusa di pianificare rivolte dopo le elezioni di domenica. Operazione annunciata martedì dal generale Jorge Luis Vargas, capo della Polizia.
La violenza ha già caratterizzato la campagna elettorale a livelli mai raggiunti prima in un periodo pre-elettorale. Petro e la sua candidata alla vice-presidenza, Francia Márquez, sono apparsi in comizi elettorali il mese scorso dietro scudi antiproiettile. Ciò in linea, per altro, con l’aggravamento della situazione della sicurezza in generale nel Paese. «La situazione della sicurezza della Colombia è peggiorata sotto il Presidente Ivan Duque a un punto paragonabile al periodo più violento del conflitto armato del Paese, secondo un gruppo di esperti. Secondo Leonardo Gonzalez, ricercatore del think tank Indepaz, “in termini di sicurezza, ci stiamo avvicinando al peggior periodo di violenza degli ultimi decenni”. Gonzalez ha affermato che la situazione della sicurezza minaccia di deteriorarsi a un livello simile a quello del periodo tra il 2002 e il 2006», sostieneColombia Reports‘.
Sergio Guzman, analista politico e direttore della Colombia Risk Analysis, con sede a Bogotà, ha affermato che la campagna di ballottaggio ha preso una svoltacattiva‘, poiché il discorso politico e il dibattito pubblico sono crollati a favore degli attacchi di parte.
«Le cose si sono appena fattebrutte», ha detto ad Al Jazeera. «C’è stata un’erosione del dibattito pubblico, c’è stata un’erosione delle comunicazioni e penso che i media abbiano giocato un ruolo importante in questo. Anche i social media hanno svolto un ruolo importante nella manipolazione e nella disinformazione, ma tutti loro -compresi i candidati- stanno facendo un disservizio all’elettorato».

Chiunque vinca, si troverà a gestire una situazione molto difficile. Si troverà tra le mani una Nazione profondamente violenta, divisa,sprofondata nel malcontento, che chiede disperatamente cambiamenti e riforme, un Paese in cui metà della popolazione non ha abbastanza da mangiare e il 40 per cento vive in povertà. La gente ha chiesto il cambiamento, vuole mandare a casa «un’establishment politico che ha detenuto il potere per generazioni». Ora ci sono due modelli di cambiamento sul piatto. Questa è «un’elezione presidenziale diversa da tutte le altre nella sua storia», affermaWashington Post‘. Secondo il quotidiano: «Indipendentemente da chi vincerà, il nuovo Presidente annuncerà l’inizio di un’era potenzialmente trasformativa».
«
Questo è un punto di rottura nella politica colombiana», ha dichiarato al ‘Washington Post‘ Sandra Botero, politologa presso l’Università del Rosario in Colombia. «Non credo che da decenni ci siano elezioni così incerte e in cui è in gioco così tanto. Indipendentemente da chi vince, sembra che ci troviamo in un momento critico».

Elezioni che sono «un momento cruciale per la Colombia. Il risultato potrebbe determinare se il Paese approfondisce il suo impegno per la democrazia o, in alternativa, coltiva tendenze autoritarie nella società e nella politica», afferma Agustin Lao-Montes. Elezioni che arrivano in un momento critico. «Chi vincerà la presidenza erediterà una serie di sfide, dal sostegno al fragile accordo di pace che nel 2016 si è impegnato a porre fine a un conflitto decennale, alla lotta alla disuguaglianzadilagante , alla violenza diffusa e alla crisi migratoriadella regione».
«Il primo turno di votazione alle elezioni presidenziali in Colombia è stato generalmente visto come un voto dal popolo contro lo status quo. In effetti, tale sentimento era già stato espresso attraverso lo sciopero nazionale del 2021, il più grande nella storia del Paese.
Per molti aspetti, l
a Colombia è una democrazia liberale estremamente fragile, segnata dalla disuguaglianza dilagante e che fa fatica a passare da un conflitto di lunga data tra forze governative, gruppi paramilitari e ribelli di sinistra».
«
È una competizione tra due versioni del cambiamento», ha affermato Francisco Gutiérrez, politologo presso l’Università Nazionale della Colombia. «La domanda è quale sia migliore, più credibile e meno rischioso».
Ci sarà da vedere se domenica gli indecisi opereranno una scelta contribuendo a sbloccare la situazione di pareggio e garantire un risultato che non lasci spazi a contestazioni almeno. Che il Paese esca diviso dal voto è già una certezza, cosa questo comporterà per l’attività del futuro Presidente è presto per dirlo.
«L’affluenza alle urne potrebbe essere fondamentale: poco più del 50% dell’elettorato ha partecipato al voto del 29 maggio. Gli analisti politici suggeriscono che una maggiore affluenza alle urne -in particolare una grande partecipazione di giovani- gioverebbe a Petro», sottolinea Agustin Lao-Montes.