venerdì, Ottobre 22

Clipper Round the World: 11 mesi per il mondo La gara velica più lunga al mondo al via il 30 agosto. Ritorno: luglio 2016. Ecco le voci dei partecipanti

0
1 2 3


 

Charlotte Willy, è una giovane, inglese, entusiasta, felice di partecipare.

 

E’ la prima volta che partecipa ad una gara del genere?

E’ certo la prima volta, ma anche la prima volta che mi trovo su una barca del genere. In precedenza avevo fatto piccoli giri in barca a vela ma nulla a che vedere con questo tipo di gare o con barche del genere. Tutto è nuovissimo per me, il linguaggio, le manovre, tutto.

 

Come ha imparato ad andare in barca?

Ho partecipato al corso di addestramento di un mese organizzato per selezionare i partecipanti e sono stata presa. Non ci potevo credere. Durante il corso ho conosciuto quelli che faranno parte della squadra. Ma io devo aspettare nove mesi prima di raggiungere la mia squadra.

 

A quale tappa parteciperà ?

Quella che va da New York all’Irlanda del Nord attraverso l’Atlantico. Da lì andremo in Olanda e poi l’ultimo tratto dall’Olanda a Londra. Questo sarà nel mese di luglio 2016. L’ultima parte della gara.

 

Cosa viene richiesto ai partecipanti?

Un certo livello di addestramento fisico, essere maggiorenni, e avere voglia di provare.

 

 

Mike Gaskin, è inglese, di Birmingham. Ha appena perso il lavoro. Invece di disperarsi ha pensato di andarsene per mare. Per un anno. Voleva farlo da tanto tempo.

 

E come ha finanziato questa avventura ?

Ho venduto la mia casa, ho appena firmato il contratto pochi giorni fa. Ora posso partire contento. Mia figlia si è appena laureata, ora posso fare quello che mi è sempre piaciuto fare.

 

Quindi lei ha esperienza di navigazione?

Diciamo che in passato ho fatto giri per il Mediterraneo ma mai nel mare aperto, negli oceani.

 

Ha esperienza di barche a vela!

Ma il tipo di navigazione nel Mediterraneo non è paragonabile a quella degli oceani. Questa gara sarà un buon test per poter dimenticare la delusione di aver perso il mio posto di lavoro.

 

Lei parteciperà a tutta la gara, undici mesi interi?

Si voglio farla tutta. Poi ritornerò ad affrontare la vita di ogni giorno. Ma intanto mi sarò goduto questa esperienza.

 

 

 

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->