martedì, Ottobre 26

Clima: in Nuova Zelanda ghiacciai più pericolosi Intanto Febbraio ha fatto segnare un nuovo record negativo per le temperature registrate

0

Temperature più elevate causate dai cambiamenti climatici stanno erodendo a grande velocità due dei ghiacciai più famosi della Nuova Zelanda. In particolare il Franz Joseph. Per un centinaio di anni i turisti hanno scalato le vette dal fondovalle, ma il ritiro dei ghiacci ha reso troppo insidioso l’attraversamento. Uno studio dello scorso anno proprio sul Franz Joseph ha evidenziato come i ghiacciai che si muovono più rapidamente erodono una quantità molto maggiore di terreno rispetto a quelli più lenti, e con il riscaldamento globale tutti i ghiacciai accelerano il movimento, aumentando notevolmente il tasso di erosione glaciale. «Si pensava finora che un ghiacciaio che si muove due volte più rapidamente causasse l’erosione del doppio del materiale, ma abbiamo concluso che in realtà l’erosione è quattro volte maggiore. Questo ci dice che con il riscaldamento del clima i ghiacciai cominciano ad accelerare e si moltiplica il tasso di erosione», il commento di Simon Cox, dell’Institute of Geological and Nuclear Survey Science.

Certo è che il clima davvero sta mettendo a serio rischio non solo i ghiacciai di tutto il mondo ma anche l’ecosistema mondiale. Ed è ormai un bollettino di guerra l’analisi del clima da parte degli esperti. Ormai ogni mese negli ultimi tempi batte qualche record in negativo. E Febbraio non è stato da meno: è stato infatti il mese più caldo mai registrato, ma è stato anche il più caldo con un margine molto grande rispetto agli altri. E Marzo chissà cosa dirà.

(video tratto dal canale Youtube di Associated Press e Al Jazeera)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->