giovedì, Ottobre 28

Clima: Hollande in viaggio in Cina

0

Il Presidente francese Francois Hollande sarà in visita in Cina per due giorni a partire da oggi, su invito dello stesso  presidente cinese Xi Jinping. Il cambiamento del clima e il prossimo forum parigino COP21  saranno all’ordine del giorno. Questa è la sua seconda visita in Cina dopo il suo insediamento al governo francese nel 2012. Nel settembre scorso il Presidente USA era arrivato in Cina per discutere la problematica di ridurre le emissioni nocive nel nostro ecosistema. La  Cina ha portato avanti ambiziose riforme e progetti mirati a ridurre le emissioni nocive per l’ambiente, arrivando a ridurre i carbonati industriali del 60%. Le delegazioni di molti Paesi riunite a Parigi per il forum COP21 stanno discutendo e provando ad approvare piani in favore di un più pieno rispetto per l’ambiente. L’attenzione alle tematiche ambientali sta divenendo una materia curriculare universitaria e molto seguita nelle università di molti Paesi. Se parliamo con chi si occupa di problemi legati ai cambiamenti climatici, veniamo a scoprire che Stati come la Cina, l’Indonesia, Africa, Asia in generale, paesi sotto il dominio Hezbollah stanno guardando positivamente alle riforme attuate dalla Cina, pur se non fanno nulla o molto poco per seguirla in tale cambiamento almeno per ora. Il Presidente Hollande, parlando al recente meeting dell’ONU, ha affermato che combattere le azioni nocive è l’ultima chance che ha il nostro Pianeta per sopravvivere, mentre se non agiamo subito la Terra avrà i giorni contati e non durerà molto a lungo.

(tratto dal canale Youtube di CCTV)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->