lunedì, Maggio 17

Clima, America Latina a lezione diplomatica La Fondazione Botín ha avuto come obiettivo il potenziamento del servizio pubblico in America Latina

0
Ogni anno, dal 2010, l’Università privata statunitense Brown, fondata nel 1764,  ospita gruppi di apprendimento provenienti da centri studi di diversa provenienza geografica. Questa volta è toccato alla Fondazione Botìn composta da studenti provenienti dall’America Latina, che studiano ‘servizio pubblico’.
Dal 2 all’8 ottobre, a visitare la Brown sono stati 32
studenti, provenienti da 14 Paesi diversi. Il programma della Fondazione Botín con sede a Madrid in Spagna, quest’anno ha avuto come obiettivo principale il potenziamento del servizio pubblico in America Latina.
Ed è stato proprio il
servizio pubblico, unito alla capacità di leadership, il tema centrale del workshop, e di una serie di corsi di formazione, e conferenze tenute dai docenti dell’Istituto. Tra questi sono intervenuti l’ex presidente del Cile, Ricardo Lagos, e altri esperti.
Il 5 ottobre, in particolare, è stata programmata una simulazione di un gruppo tra rappresentanti di Paesi latinoamericani, e caraibici. L’argomento principale del confronto ha riguardato i cambiamenti climatici in previsione dell’imminente Forum COP 21 sui cambiamenti climatici. Gli studenti sono stati invitati a sedersi insieme all’interno di singoli gruppi di interesse, proprio come farebbero alla conferenza delle Nazioni Unite sul clima.  Sono stati, inoltre, sollecitati a prendere una posizione sullequestioni di governance sul clima, in una prospettiva sia interna, sia regionale, che globale. Non solo. Sono state organizzate delle simulazioni di negoziati, guardando agli aspetti politici, sociali, economici e ambientali. Dopo la fine della discussione, gli studenti hanno dovuto registrare una breve video intervista, ciascuno per il proprio gruppo di sessione.
Nel video, che si propone, parla
Gabriel Julio Alves Carvalho, uno studente di legge e scienze sociali presso l’Università Federale di Rio Grande do Sul (Brasile), e Rhayssa Cristina Ávila e Couto, una studente di Pubblica Amministrazione presso l’Istituto statale Paulo Neves de Carvalho (Brasile).
(Intervista autoprodotta da due studenti brasiliani tratta dalla selezione video del canale ‘Centro per gli studi latiniamericani e caraibici‘)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->