giovedì, Agosto 5

Citarum, il fiume più inquinato del mondo L’ambiziosa promessa del governo indonesiano è quella di renderlo di nuovo potabile entro il 2025

0

Il Citarum è il fiume più inquinato del mondo e si trova in Indonesia. Ma le sue acque vengono regolarmente bevute e usate per cucinare, lavarsi, nuotare e persino giocare dai bambini che abitano le città lungo le sue coste lunghe 300 chilometri.

Il Citarum riceve gli scarichi di decine di industrie chimiche e tessili dell’entroterra, fa da enorme canale di scolo soprattutto per i colori usati per tingere vestiti e magliette di marchi internazionali. In alcuni punti il muro di rifiuti è talmente fitto che non è neppure navigabile. Una politica di scarsi controlli e di accumulo di rifiuti è alla base di questo disastro naturale.

Il fiume serve oltre 28 milioni di persone e le sue acque sostengono 400.000 ettari (990.000 acri) di risaie, inoltre riempiono i bacini idrici che generano circa 2 gigawatt di energia idroelettrica.

Da tempo c’è in cantiere un progetto di pulizia e ristoro delle acque del Citarum. L’ambiziosa promessa del governo indonesiano è quella di renderlo di nuovo potabile entro il 2025. Ad oggi parte dell’esercito è stato disposto a raccogliere e separare i rifiuti nel fiume sono stati avviati diversi controlli delle fabbriche che sversano nel fiume, secondo più rigidi criteri di tutela ambientale.

(video tratto dal canale Youtube di Al Jazeera)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->