lunedì, Luglio 26

Cisgiordania, arriva finalmente la linea 3G I fornitori di cellulari palestinesi hanno lanciato il servizio dati ad alta velocità, riducendo il divario tecnologico con Israele dopo un lungo e costoso divieto

0

I fornitori di cellulari palestinesi hanno lanciato ieri il servizio dati ad alta velocità in Cisgiordania, riducendo il divario tecnologico con Israele dopo un lungo e costoso divieto israeliano di gestione delle reti locali 3G.

Spetterà a Jawwal e Wataniya Mobile competere con i fornitori ad alta velocità del mercato nero della Cisgiordania. Esperti del settore hanno detto che i fornitori israeliani hanno già una base di clienti di circa 500.000 palestinesi che utilizzano schede SIM pre-pagate di contrabbando che si connettono con segnali 3G e 4G in Israele e negli insediamenti ebraici.

Le compagnie cellulari israeliane dicono però di non avere il controllo su dove vengono utilizzate le SIM card, molte delle quali acquistate dai palestinesi che lavorano in Israele e classificate come illegali dall’Autorità Palestinese (PA).

Secondo la Banca Mondiale, le aziende di telefonia palestinesi hanno perso tra i 436 milioni e 1,5 miliardi di dollari di potenziali entrate nel periodo 2013-2015 a causa delle restrizioni israeliane sulle importazioni di apparecchiature e frequenze, oltre che per la concorrenza non autorizzata da parte degli operatori israeliani in Cisgiordania.

«Abbiamo lanciato il servizio di rete 3G in Cisgiordania, mentre la Striscia di Gaza ne è ancora privata a causa delle restrizioni israeliane», ha detto  alla ‘Reuters‘ Ammar Aker, CEO del Palestine Telecommunications Group (Paltel) che gestisce Jawwal.

 

(video tratto dal canale Youtube di Al Jazeera)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->