lunedì, Giugno 27

Cinque Stelle. Esplose Di Maio e i suoi disintegrano il MoVimento

0

Stato dell’arte (varia). Ordunque a Montecitorio si stiano raccogliendo le firme dei Deputati vicini a Luigi Di Maio, pure Ministro degli Esteri, per la costituzione di un Gruppo parlamentare autonomo alla Camera. Con ovvia rottura davvero strutturale all’interno del MoVimento Cinque Stelle. Di più: disintegrazione. L’iniziativa è già praticamente pubblica, annunciata ad horas. Per costituire un gruppo a Montecitorio servono venti Deputati in base al suo Regolamento interno.

Al Senato dieci Senatori. E sono «ben più di una decina» i Senatori del M5S vicini a Di Maio che a Palazzo Madama hanno già firmato per la costituzione di una componente autonoma. Tuttavia i dimaiani rischiano di non poter costituire davvero un Gruppo. L’articolo 14 del Regolamento, autonomo e diverso rispetto alla Camera, prevede infatti che i Gruppi debbano «rappresentare un Partito o Movimento politico che abbia presentato alle elezioni del Senato propri candidati con lo stesso contrassegno, conseguendo l’elezione di Senatori». Ma i modi di aggirarlo esistono, informarsi del caso presso i simpatici ed utili guasconi di Italia Viva.

Beppe Grillo che della possibile rivoluzione politica ed etica del MoVimento Cinque Stelle è stato padre assieme a Gianroberto Casaleggio, è intervenuto last minute attraverso il suo Blog personale. «La luce del sole è il miglior disinfettante. Luce sia, dunque, sulle nostre ferite, sulla palude e sull’oscurità. Qualcuno non crede più nelle regole del gioco? Che lo dica con coraggio e senza espedienti. Deponga le armi di distrazione di massa e parli con onestà».

E ancora. «Siamo tutti qui per andarcene, comunque, ma possiamo scegliere di lasciare una foresta rigenerata o pietrificata» scrive nel Post intitolato ‘Dictyostelium‘. «Quando il Movimento fece i primi passi Steve Jobs chiese agli studenti di Stanford di accettare la morte come agente di cambiamento della vita e disse loro “Ora il nuovo siete voi, ma un giorno non troppo lontano da oggi, diventerete gradualmente il vecchio e verrete spazzati via. Scusate se sono così drastico, ma è vero”. La sua Apple è oggi diventata la più grande impresa del mondo e la Silicon Valley resta la culla dell’innovazione tecnologica. Ma nella vicina Arizona c’è anche una foresta pietrificata da milioni di anni». Non ci abbiamo capito molto, ma oltre ad essere un po’ iettatorio deve essere molto significativo. In ogni caso Steve Jobs è morto, Gianroberto Casaleggio è morto e pure il già glorioso MoVimento Cinque Stelle non se la passa molto bene (citazione, Allen, Woody) visto che diversi suoi membri non vogliono giustamente più fare parte di un gruppo politico che ha avuto la dabbenaggine di accoglierli tra i suoi membri (citazione, Marx, Groucho).

Nel nostro ricostruire il percorso verso le Politiche 2023 e il futuro che ci aspetta eravamo arrivati sino a ‘Viva Italia Viva!‘ 14 giugno 2022. Che già… Adesso in questa settimana agitata, davvero agitata in attesa del voto di Ballottaggio per i Comuni di domenica prossima 26 giugno e soprattutto per la proiezione verso quello prossimo venturo e cruciale, ci ricordiamo che se in generale le tragedie storiche si ripropongono in farsa (citazione, Marx, Karl), da noi spesso e purtroppo le farse cominciano da subito. E non sono un granché neanche come farse.

POLITICHE 2023: IL FUTURO CHE CI ASPETTA /3 (continua)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

Giornalista. Editore con ‘La Voce multimedia’

End Comment -->