martedì, Maggio 11

Cinema in Arabia Saudita dopo 35 anni Secondo quanto dichiarato dal ministero dell'Informazione saudita, 350 cinema con 2.500 schermi verranno aperti nel regno entro il 2030

0

18 aprile 2018: ebbene manca poco all’apertura a Riad del nuovo cinema. Si tratta in realtà del primo cinema in Arabia Saudita dopo 35 anni. Secondo quanto dichiarato dal ministero dell’Informazione saudita, 350 cinema con 2.500 schermi verranno aperti nel regno entro il 2030.

La diffusione delle sale cinematografiche sarà rapida con l’apertura di 40 di queste in 15 città già nei prossimi cinque anni grazie all’accordo con la catena di cinema americana AMC Entertainment Holdings che aggiunge: «Entro l’estate nella stessa sala ci saranno tre schermi e la zona scelta per il cinema è il distretto finanziario del re Abdullah».

A porre il veto alla forma d’intrattenimento tipica dell’Occidente era stato il muftì che, negli anni ’80, aveva spinto il regno in una direzione ultra conservatrice ritenendo, tra le altre cose, il cinema una forma eversiva di cultura responsabile di allontanare le menti dei giovani dai valori islamici e dalla religione.

Tutto ‘merito’ del piano di riforme Saudi Vision 2030 voluto dal principe ereditario Mohamed bin Salman che punta a diversificare l’economia del Paese per svincolarsi dalla dipendenza dal petrolio.

(video tratto dal canale Youtube di Euronews)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->