lunedì, Maggio 16

Cina – Russia: dall’Ucraina all’alleanza in Eurasia contro l’Occidente Se Putin avrà successo in Ucraina e la Cina fornirà supporto economico e persino logistico alle armi a Mosca, allora l'asse di dominio Pechino-Mosca sull'Eurasia sarà saldato e la sfera di influenza degli Stati Uniti sarà infranta

0

L’esito della guerra in Ucraina aprirà la strada a cambiamenti geopolitici in ‘Eurasia’ che determineranno senza dubbio il futuro del mondo nella prima metà del 21° secolo. Negli ultimi cinque secoli tutti i recenti egemoni mondiali dai portoghesi e spagnoli ai francesi, olandesi, britannici, tedeschi e ora gli americani hanno avuto una cosa in comune, ed è il loro dominio sulla vasta e importante regione eurasiatica. La loro rivalità per il dominio sull’Eurasia era in concomitanza con l’ascesa degli Stati Uniti dopo la seconda guerra mondiale. Il declino dei poteri precedenti, da Napoleone a Hitler, iniziò con la perdita del controllo diretto o indiretto di questa regione. Questo è un fatto strategico che ha avuto esempi generali e specifici negli ultimi 500 anni.

Dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale, la rivalità per il dominio dell’Eurasia si intensificò e le tensioni si acuirono. Gli eventi che hanno avuto luogo nei secoli e nei decenni passati o stanno avvenendo in questa vasta regione mostrano che la geopolitica gioca ancora un ruolo chiave nello stabilire e mantenere la supremazia delle potenze mondiali, e infatti è la geografia che gioca un ruolo importante nell’internazionale.

Gli studi del Consiglio Atlantico nel 2001 hanno anche definito un territorio chiamato ‘Eurasia centrale’ che confina con il Mar Nero a ovest, la Cina a est, la Russia a nord e l’Iran, il Pakistan e l’Afghanistan a sud. Ogni volta che gli Stati Uniti vogliono svolgere il loro ruolo globale e continuare la loro leadership, devono sottolineare il loro ruolo guida in Eurasia. Ma il prerequisito per preservare la supremazia americana in Eurasia è creare e quindi mantenere un equilibrio di potere lì e prevenire l’emergere di un potere o di poteri che possono influenzare le politiche degli Stati Uniti.

In passato, il dominio dell’Unione Sovietica lasciava poco spazio di manovra agli Stati Uniti. Ma dopo il crollo dell’Unione Sovietica, la fine della Guerra Fredda e la separazione dell’Europa orientale e dell’Asia centrale, e le repubbliche del Caucaso dal territorio russo, e la disintegrazione dei Balcani, gli Stati Uniti hanno trovato l’opportunità di espandere gradualmente la propria influenza in Europa dell’Est, soprattutto attraverso la NATO, e di avvicinarsi alle mura della Federazione Russa.

Ora, con l’ascesa di Putin in Russia e la crisi in Ucraina, le rivalità geopolitiche nella regione si sono intensificate e una guerra più grande è imminente. Dal 1991 al 2000, quando il blocco orientale è crollato, un vuoto di potere e un’incertezza hanno dominato la regione. Dal 2001, in seguito alla tragedia dell’11 settembre e alla reazione di Bush Jr. per formare una coalizione globale contro il terrorismo, l’Occidente ha stabilito un dominio più forte sulla regione. La rivalità tra le potenze mondiali sull’Eurasia centrale si intensificherà di nuovo.

In una conversazione telefonica di due ore, Biden ha fermamente messo in guardia il Presidente cinese sulle conseguenze degli aiuti economici e militari di Pechino alla Russia. Sembra; tuttavia, che la conversazione si è rivelata futile e Xi Jinping ha ignorato l’avvertimento poiché la situazione in Ucraina sta peggiorando. Xi ha effettivamente incolpato gli Stati Uniti per l’invasione russa dell’Ucraina e ha affermato che sono stati l’avanzata degli Stati Uniti e della NATO sui confini della Russia e la minaccia alla sua sicurezza che ha portato alla guerra in Ucraina. Xi ha infatti riaffermato la dichiarazione rilasciata da Putin e da lui all’apertura dei Giochi Asiatici attraverso la quale hanno sottolineato l’instaurazione di un nuovo ordine mondiale e il contrasto all’egemonia statunitense attraverso la cooperazione strategica nei campi dell’energia e della tecnologia.

Date le circostanze, è del tutto evidente che gli attuali Stati Uniti non saranno in grado di influenzare facilmente l’alleanza formata tra Cina e Russia. Sebbene i legami strategici tra Pechino e la Russia non siano permanentemente stabili e debbano affrontare molte sfide e ostacoli, sono il prodotto di oltre tre decenni di interazione e calcoli completi tra Pechino e Mosca incentrati su un nemico comune che sono gli Stati Uniti. Pertanto, le relazioni tra queste potenze orientali non sono molto influenzate dagli sviluppi quotidiani nel mondo.

Infatti, la stretta collaborazione tra Pechino e Mosca significa che i due Paesi stanno lavorando insieme per stabilire un nuovo ordine mondiale. Dall’invasione dell’Ucraina, la Cina non ha limitato le sue relazioni con la Russia, non ha esercitato alcun tipo di pressione sulla Russia, non l’ha incolpata e non ha considerato l’operazione russa in Ucraina una “aggressione militare“. Ciò implica che Pechino sta riconoscendo i problemi di sicurezza di Mosca in Ucraina e li considera legittimi. Inoltre, la posizione della Cina sull’Ucraina indica che questa guerra non ha cambiato la sua strategia geopolitica a lungo termine che è la cooperazione con la Russia e l’acquisizione di maggiore influenza in Eurasia per abbattere l’egemonia degli Stati Uniti e dei suoi alleati.

All’inizio di marzo, Cina, India, Iran, Pakistan e altri 32 Paesi si sono astenuti sulla risoluzione dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite che condanna l’invasione russa dell’Ucraina. Inoltre, il ministero degli Esteri cinese ha definito la NATO un “avanzo della Guerra Fredda” e ha criticato le sanzioni imposte alla Russia dai paesi occidentali. La Cina crede che l’Occidente stia usando il processo di globalizzazione come un’arma contro gli altri.

Pertanto, la direzione del cambiamento geopolitico è diventata una preoccupazione per il mondo occidentale e non hanno altra scelta che rispondere ad esso militarmente e/o economicamente. Non solo i leader occidentali hanno seguito da vicino questi cambiamenti nella NATO, nel G7 e nell’Unione Europea, ma hanno anche pianificato e spinto per gli incessanti progressi della NATO nelle aree di sicurezza sensibili alla Russia, Ucraina, Baltico e Balcani.

Al culmine della crisi, Biden è arrivato a Bruxelles il 24 marzo per partecipare a un vertice della NATO e, dopo un viaggio in Polonia e uno sguardo più da vicino agli sviluppi in Ucraina, ha chiesto a Putin di dimettersi. Ma se Putin avrà successo in Ucraina e la Cina fornirà supporto economico e persino logistico alle armi a Mosca, allora l’asse di dominio Pechino-Mosca sull’Eurasia sarà saldato e la sfera di influenza degli Stati Uniti sarà infranta. Questo è mentre gli Stati Uniti hanno dominato l’Eurasia dall’inizio della Guerra Fredda e in questi decenni e hanno fatto di tutto per espandere e rafforzare il proprio dominio con il dispiegamento di forze di terra, navali e aeree e una varietà di difese alleanze e manovre militari.

Un altro punto importante è che la Russia è il più grande esportatore di energia al mondo e la Cina è il più grande importatore. Così la Cina, nei suoi scambi con la Russia, può gradualmente indebolire il predominio del dollaro come riserva valutaria più importante del mondo. Il dollaro USA è stato di gran lunga la più importante riserva valutaria mondiale dal 1944, dopo la conferenza di Bretton Woods, e dal 1971, quando l’ex presidente Nixon ha sospeso la convertibilità del dollaro in oro. Il petrolio è un forte sostenitore del dollaro USA tra tutte le materie prime mondiali, e se il dollaro verrà gradualmente sostituito da altre valute nelle transazioni globali, il dollaro perderà il suo ruolo dominante nelle riserve valutarie globali. Questo è il rischio più grande per la componente principale del potere degli Stati Uniti come egemone mondiale.

L’imposizione di sanzioni a catena statunitensi contro i paesi del mondo, molto acute e unilaterali negli ultimi anni, porterà alla formazione di nuovi blocchi valutari globali per contrastare le sanzioni. Ciò influenzerà sicuramente la prestigiosa posizione globale del dollaro USA in futuro. Dal 2015, quando la valuta cinese è stata riconosciuta dal Fondo Monetario Internazionale, il governo cinese ha adottato misure efficaci e continue affinché lo yuan cinese svolga un ruolo maggiore nei mercati internazionali.

La nuova guerra in Europa ha anche risvegliato i leader europei e le ferite di decenni di letargia, dipendenza e dipendenza da una varietà di fonti energetiche e materie prime importate dalla Russia si stanno ora aprendo. Il fatto è che nessuna politica nell’Unione Europea è stata così inefficace come la cosiddetta Politica Energetica Comune per più di sessant’anni. I membri dell’UE non possono lavorare in squadra quando si tratta del loro bisogno di forniture energetiche. Ora, al culmine della guerra in Ucraina, ogni paese si affretta e cerca invano alternative. L’Europa sta seguendo le ambizioni di politica energetica degli Stati Uniti mentre le relazioni energetiche di Mosca con l’Europa non sono state interrotte durante l’era sovietica, la Guerra Fredda o negli ultimi tre decenni. Inoltre, nei settant’anni dopo la guerra, Mosca non ha mai tagliato le energie all’Europa.

Il fatto su questa finta disputa energetica tra Russia ed Europa è che Germania e Italia non possono resistere alle forti pressioni delle importazioni di energia e acciaio dovute al boicottaggio russo. Oltre alla particolare situazione geopolitica e alle considerazioni politiche e di sicurezza nel campo dell’energia e dell’acciaio, i due Paesi non hanno altro da fare che attendere che la situazione si calmi. Anche l’importazione di gas naturale liquefatto dal Qatar e dagli Stati Uniti è costosa e pericolosa e la sua consegna regolare richiede strutture aggiuntive e massicce. Quindi sostituire il gas russo non è né facile né economico e veloce.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

Sarah Neumann è Professoressa di scienze politiche presso i corsi di scienze politiche di diverse università tedesche

End Comment -->