lunedì, Giugno 27

Cina – Medio Oriente: verso acque agitate Si potrebbe allungare la lista di insidie in Medio Oriente e non sarebbe una buona notizia per Pechino che, come altri attori, preferisce rimanere concentrata sull'economia

0

La Cina potrebbe entrare in acque agitate del Medio Oriente. Crisi e conflitti multipli daranno probabilmente forma alle sue relazioni con le maggiori potenze della regione, tra cui Arabia Saudita, Iran e Turchia.

La lunga lista di insidie ​​per la Cina include le ricadute della guerra in Ucraina, le relazioni tese degli Stati Uniti con l’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti, l’opposizione turca all’adesione finlandese e svedese alla NATO, la minaccia di una rinnovata incursione turca anticurda nel nord della Siria, e il destino del Joint Comprehensive Plan of Action (JCPOA), l’accordo internazionale del 2015 che ha frenato il programma nucleare iraniano.

Una cosa che diventa evidente è che né gli Stati del Golfo né la Turchia hanno alcuna intenzione di alterare radicalmente i loro rapporti di sicurezza con gli Stati Uniti, anche se le dinamiche nei casi di Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti e Turchia sono molto diverso.

L’Arabia Saudita riconosce che non c’è alternativa all’ombrello di sicurezza degli Stati Uniti, qualunque siano i dubbi che il regno potrebbe avere sull’impegno statunitense per la sua sicurezza. Con la visita del prossimo mese in Arabia Saudita del Presidente Joe Biden, la domanda non è come le differenze tra Stati Uniti e Arabia Saudita verranno tamponate, ma a quale prezzo e chi pagherà il conto.

Nel frattempo, la Cina ha chiarito che non è disposta e non è ancora in grado di sostituire gli Stati Uniti. Ha anche chiarito che affinché Pechino si impegni nella sicurezza regionale, gli Stati del Medio Oriente dovrebbero prima tenere sotto controllo le loro controversie in modo che i conflitti non sfuggano al controllo. Le mosse per abbassare le tensioni tra Turchia, Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti ed Egitto concentrandosi sull’economia sono un passo in quella direzione. Tuttavia, rimangono fragili, senza alcun fattore che abbia innescato la risoluzione delle differenze.

Un potenziale fallimento dei negoziati a Vienna per rilanciare l’accordo nucleare con l’Iran potrebbe sconvolgere l’equilibrio. Probabilmente spingerebbe Israele, Emirati Arabi Uniti, Bahrain e Arabia Saudita a rafforzare la loro cooperazione in materia di sicurezza, ma potrebbe minacciare il riavvicinamento con la Turchia. Potrebbe anche aumentare le tensioni in Siria, Libano, Yemen e Iraq, dove l’Iran sostiene una varietà di attori politici e milizie. Niente di tutto ciò sarebbe una buona notizia per la Cina, che, come altri grandi attori del Medio Oriente, preferisce rimanere concentrata sull’economia.

Di diverso ordine sono le dinamiche con la Turchia e l’Iran. La Cina può assistere allegramente all’ostruzione turca nella NATO, ma per quanto la Turchia cerchi di forgiare un percorso indipendente, non vuole tagliare il suo cordone ombelicale con l’Occidente ancorato alla sua appartenenza alla NATO.

La NATO ha bisogno della Turchia anche se il suo baricentro, per ora, si è spostato nell’Europa orientale. Allo stesso modo, la Turchia ha bisogno della NATO, anche se è in una posizione migliore per difendersi rispetto agli Stati del Golfo. In definitiva, un compromesso risolverà i problemi più immediati della NATO a causa delle obiezioni turche all’adesione di Svezia e Finlandia alla NATO.

La minacciata incursione anticurda della Turchia nel nord della Siria costituirebbe un’escalation che nessuna parte, inclusa la Cina, vuole. Non perché sottoscriva l’opposizione turca all’adesione di Svezia e Finlandia alla NATO, ma perché con i curdi siriani che cercano sostegno dal regime del Presidente Bashar al-Assad, le forze turche e sostenute dall’Iran potrebbero trovarsi su fronti opposti.

Infine, l’Iran. Nonostante l’accordo da 400 milioni di dollari dell’Iran della durata di 25 anni con la Cina, è improbabile che le relazioni tra Teheran e Pechino sboccino completamente finché l’Iran sarà soggetto alle sanzioni statunitensi. Il mancato ripristino dell’accordo nucleare garantisce che le sanzioni permangano.

La Cina ha chiarito che è disposta a spingere sulle relazioni commerciali violando o eludendo le sanzioni, ma non nella misura in cui renderebbe l’Iran un altro importante punto di attrito nelle già difficili relazioni USA-Cina.

In un mondo in cui la necessità di prendere una posizione è stata accelerata dalla guerra in Ucraina e il Medio Oriente minacciato da tensioni potenzialmente accresciute in assenza di un accordo nucleare, gli Stati del Golfo potrebbero scoprire che sempre più il principio ‘tu sei con noi o contro di noi’ diventa la norma. Gli Stati del Golfo hanno coperto le loro scommesse nei primi mesi della guerra in Ucraina, ma la loro capacità di farlo potrebbe essere giunta al termine.

Già Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti iniziano a cedere sulla questione della produzione di petrolio, mentre il Qatar si confronta con l’Europa sul gas. Il bivio non interromperebbe le relazioni con la Cina, ma probabilmente limiterebbe la cooperazione tecnologica e conterrebbe le strategie del Golfo, comprese le nozioni di concessione di strutture militari alla Cina.

Al di là degli immediati problemi geopolitici e di sicurezza, ci sono molti altri problemi potenzialmente gravi.

Un importante quotidiano di proprietà saudita, Asharq Al-Awsat, ha recentemente contestato un tono sempre più aggressivo nella diplomazia cinese. “La Cina non si sta facendo alcun favore… I funzionari cinesi sembrano determinati a minare la loro stessa causa per la leadership globale… In qualche modo i funzionari cinesi non sembrano riconoscere che la loro belligeranza è altrettanto scoraggiante… come lo è il paternalismo occidentale”, il quotidiano detto in un editoriale.

L’equilibrio della Cina, in particolare tra Arabia Saudita e Iran, potrebbe diventare più teso. Il mancato ripristino dell’accordo nucleare complicherà i già difficili colloqui iraniani sauditi volti a ridurre le tensioni. Potrebbe anche alimentare una corsa agli armamenti nucleari, missilistici e droni accelerata da una strategia israeliana più aggressiva sostenuta dagli Stati Uniti nell’affrontare l’Iran colpendo obiettivi nella repubblica islamica piuttosto che con il sostegno degli Stati Uniti, ad esempio, in Siria.

Mentre la volontà cinese di vendere armi potrebbe ottenere una spinta, la Cina potrebbe scoprire che sia l’Arabia Saudita che l’Iran diventano più esigenti nelle loro aspettative da Pechino, in particolare se le tensioni dovessero intensificarsi.

Un jolly nel branco è la repressione cinese dei musulmani turchi nella sua provincia nord-occidentale dello Xinjiang. La maggioranza del mondo musulmano ha guardato dall’altra parte, con pochi, come l’Arabia Saudita, che hanno apertamente approvato la repressione.

L’interesse a farlo va al di là degli Stati a maggioranza musulmana che non vogliono mettere a rischio i propri rapporti con una Cina che risponde duramente e aggressivamente alle critiche pubbliche. Inoltre, la repressione nello Xinjiang e l’acquiescenza musulmana legittimano un’opposizione condivisa a qualsiasi espressione politica dell’Islam.

Il problema per gli Stati a maggioranza musulmana, in particolare quelli del Medio Oriente, è che l’era in cui gli Stati Uniti e altri potrebbero farla franca con l’applicazione di doppi standard e l’apparente ipocrisia nell’aderire ai valori potrebbe volgere al termine.

La Cina e, del resto, la Russia sono felici di beneficiare della riluttanza del Sud del mondo a unire la condanna dell’invasione dell’Ucraina e le sanzioni contro la Russia perché l’Occidente si rifiuta di applicare il principio universalmente, ad esempio, nel caso di Israele o infrazioni multiple del diritto internazionale e dei diritti umani altrove.

Tuttavia, la Cina e gli stati del Medio Oriente si trovano in posizioni simili. Indipendentemente da come si giudichino le recenti controverse dichiarazioni fatte dai portavoce del partito al governo indiano BJP riguardo al profeta Maometto e al culto musulmano, le critiche degli stati musulmani suonano vane fintanto che non resistono anche alla repressione dei musulmani nello Xinjiang.

Per alcuni in Medio Oriente, prima e poi potrebbe arrivare la resa dei conti.

La Turchia è uno Stato in cui la questione degli uiguri in Cina non è semplicemente uno spettacolo lontano dal mio letto. Gli uiguri giocano nella politica interna in un Paese che ospita la più grande comunità di esiliati uiguri che ha sostenuto a lungo i diritti dei suoi fratelli turchi in Cina e vanta ancora forti filoni di panturkismo.

Sono tutti elementi che potrebbero emergere quando la Turchia andrà alle urne il prossimo anno in occasione del centenario della nascita della repubblica turca.

La domanda non è se la Cina incontrerà acque agitate in Medio Oriente, ma quando e dove.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

James M. Dorsey è senior fellow presso la S. Rajaratnam School of International Studies presso la Nanyang Technological University di Singapore, editorialista sindacato e autore del blog The Turbulent World of Middle East Soccer. In qualità di corrispondente estero, Dorsey si concentra sul cambiamento politico e sociale in Medio Oriente e Nord Africa, sull'impatto del cambiamento in Medio Oriente e Nord Africa sull'Asia sudorientale e centrale e sul nesso di sport, politica e società in Medio Oriente e Nord Africa e Asia.

End Comment -->