lunedì, Aprile 12

Cina: lotta al diesel, viva le auto elettriche Varate una serie di nuove norme per favorire l’introduzione di veicoli elettrici e portare al progressivo abbandono delle alimentazioni tradizionali

0

In Cina è partita la svolta verde. Lotta all’inquinamento forte da parte di Pechino, a partire dal settore auto. E per questo si punta all’elettrico. In un anno potrebbero essere almeno 700.000 le vetture di questo tipo ad essere vendute nel Paese. Un settore questo che aumenta sempre di più, grazie anche al recente annuncio sulle quote obbligatorie di vetture a zero emissioni, quindi 100% elettriche o ibride da ricaricare alla presa di corrente.

A settembre in Cina si sono venduti in totale due milioni e 343.000 di autovetture, oltre 17 milioni da gennaio alla fine dello scorso mese. Gli ultimi tre mesi dell’anno, di solito, vedono incrementare il numero delle vendite, soprattutto nel segmento delle auto elettriche: ecco perché la CAAM stima che i NEV immatricolati nel 2017 saranno molti di più dei 500.000 segnati nel 2016.

A settembre, inoltre, il governo cinese ha varato una serie di nuove norme per favorire l’introduzione di veicoli elettrici e portare al progressivo abbandono delle alimentazioni tradizionali. E in questo mercato vuole entrare prepotentemente la Volkswagen. Il gruppo tedesco ha annunciato che investirà oltre 10 miliardi di euro per una flotta di nuovi veicoli a basse emissioni in Cina. Jochem Heizmann, boss di VW Cina, ha spiegato che entro il 2025 questi investimenti porteranno a 40 nuovi modelli. I veicoli elettrici saranno prodotti localmente in Cina in joint venture con Jianghuai Automobile Group.

 

(video tratto dal canale Youtube di Al Jazeera)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->