venerdì, Maggio 7

Cina: la stazione spaziale Tiangong-1 pronta a precipitare sulla Terra Secondo le ultime previsioni dell’agenzia Aerospace Corporation, dovrebbe rientrare nell’atmosfera tra il 29 marzo e il 9 aprile

0

Secondo le ultime previsioni dell’agenzia Aerospace Corporation, la stazione spaziale cinese Tiangong-1, da mesi in caduta libera verso la Terra, dovrebbe rientrare nell’atmosfera tra il 29 marzo e il 9 aprile. ma quello che preoccupa è che qualche pezzo della Tiangong-1 potrebbe arrivare intatto (o quasi) al suolo.

Date le sue dimensioni (10,5 metri per oltre 8 tonnellate di peso), è possibile infatti che alcuni detriti resistano alla combustione in atmosfera e raggiungano il terreno in una fascia compresa tra 43°Nord e 43°Sud di latitudine. Praticamente due terzi del Pianeta.

Gli scienziati non sono in grado di dire esattamente in che punto del globo avverrà il rientro della Tiangong-1 né tanto meno dove cadrebbero eventuali detriti. Tra i Paesi che potrebbero venire interessati dai detriti ci sono Cina, Medio Oriente, Stati Uniti del Nord, parte dell’Oceania e alcune regioni all’estremo Sud dell’America meridionale. In Europa invece la prima linea è costituita da Spagna, Portogallo, Francia, Grecia e anche molta della nostra Italia, da Firenze fino al Sud. Ma gli esperti provano a tranquillizzare: le probabilità che una specifica persona (venga colpita da un detrito di Tiangong-1 è di un milione di volte più piccola di quella che avrebbe di fare jackpot alla lotteria. Può bastare?

(video tratto dal canale Youtube di IBTimes UK)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->