mercoledì, Settembre 29

Cina: investimenti globali sì, ma …

0
1 2


Passando ora al secondo punto, ossia l’acquisizione di tecnologie, è necessario considerare innanzitutto la sua determinante importanza, in quanto permetterà alla Cina di ottenere un ruolo di primo piano trasformandosi da semplice produttore a sviluppatore. Rispetto all’ambito delle materie prime, gli attori sono maggiormente diversificati, riflettendo la vastità degli obiettivi: accanto ai giganti di proprietà dello Stato, si trovano anche piccole imprese votate alla globalizzazione per ragioni esclusivamente economiche. Questa strategia, avviata dapprima in comparti dove la Cina si era imposta come produttore leader a livello mondiale, si è diffusa in seguito anche a settori emergenti. Per comprenderne meglio l’espansione, si possono analizzare due settori rappresentativi delle rispettive fasi: l’elettronica e l’automobile.

Per quanto riguarda l’elettronica, la Cina può essere considerata il centro produttivo mondiale: oltre il 60% dei PC e il 50% dei televisori è assemblato entro i confini cinesi. Fino al 2005, questo importante primato poteva essere raggiunto solo grazie alle aziende straniere, in quanto più del 90% della produzione era commissionato da marchi stranieri.
Il primo forte segnale della volontà della Cina di invertire questa tendenza può essere individuato nell’acquisizione di una divisione dell’IBM da parte di Lenovo. Tra i numerosi vantaggi di questa mossa si individuano l’acquisizione di una rete commerciale internazionale, di un marchio e di tecnologie ormai affermati. Nel periodo iniziale, la nuova formazione ha attraversato una fase di instabilità, risolta con l’avvento del Presidente Liu Chuanzhi, che ha saputo valorizzarne l’attività tanto da portare all’acquisizione di numerose aziende come NEC, Medion e CCE, ottenendo nel 2012 risultati molto vicini a quelli del gigante HP.

Accanto a questa storia di successo si registrano tuttavia numerosi fallimenti, come quello del gruppo TCL, rovinato dall’acquisizione del marchio francese di televisori Thomson. Sebbene all’inizio si fosse rivelata una mossa vincente, in soli cinque anni il nuovo gruppo perse quota rapidamente: l’avvento delle TV LCD l’aveva, infatti, colto di sorpresa. Questo strepitoso fallimento ha però insegnato alla Cina una lezione importante, seguita negli investimenti in campi più complessi come quello dell’automobile.

Contemporaneamente al tentativo di trasformarsi da produttore a sviluppatore nel campo dell’elettronica, la Cina ha iniziato a occuparsi di settori industriali con un promettente mercato interno, proprio come quello dell’automobile. Anche in questo caso, il primo passo importante può essere ricondotto al 2005, quando, con la bancarotta del principale gruppo automobilistico inglese, le aziende cinesi SAIC e Nanjing Auto acquistarono rispettivamente Rover e MG. Due anni dopo SAIC, il principale costruttore di auto cinese, acquistò Nanjing Auto, concentrando definitivamente l’ex gruppo inglese nelle mani di un solo produttore cinese.
A questa mossa orchestrata da un colosso di proprietà dello Stato ne seguì un’altra, organizzata tuttavia da un gruppo privato: nel 2010, il gruppo cinese Geely acquistò Volvo, con notevoli miglioramenti nel posizionamento tra i maggiori produttori di auto a livello mondiale. L’attuazione di una strategia globale non era quindi riservata esclusivamente allo Stato.

All’interno di questo panorama molto diversificato, gli investimenti globali della Cina possono apparire come una sequenza spontanea e disorganizzata. A un’analisi più approfondita, tuttavia, si nota chiaramente che la spontaneità che caratterizza la fase di esplorazione scompare completamente in sede di convalida, di trasformazione delle opportunità in azioni concrete, facendo emergere il ruolo centrale dello Stato.

Nell’ambito delle materie prime, un esempio rivelatore concerne il caso Hanlong, gruppo coinvolto in operazioni relative alle miniere in Africa. Nel 2011, Hanlong annunciò di aver preso parte a un progetto del valore di 3 miliardi di dollari in Tanzania, seguito nel 2012 dalla firma di un contratto d’acquisto per un’azienda australiana concessionaria di una miniera di ferro in Camerun. Lo Stato considerava questa ambizione potenzialmente problematica a causa della storia torbida di Hanlong: il Presidente del gruppo, oltre a essere stato oggetto di un tentato omicidio, aveva un fratello indicato come mandante di tre delitti. La richiesta di fondi statali per il finanziamento del progetto di internazionalizzazione aveva quindi sollevato numerose perplessità. Lo Stato, dopo un tentativo di ostacolare le trattative per l’acquisto dell’azienda australiana, proprio pochi giorni prima della firma del contratto fece arrestare il Presidente di Hanlong per aver nascosto il fratello ricercato.

Questo caso estremo rappresenta un’eccezione, poiché di norma i tentativi di investimento sono sotto il controllo delle banche, che possono erogare prestiti solo su istruzione dello Stato e del Partito Comunista.
Un esempio illuminante della strategia statale si individua nei casi Volvo e Saab. Nel 2010, al momento di acquistare la Volvo, la Geely chiese un consistente finanziamento, che la banca avrebbe concesso solo dopo il nulla osta di Pechino. Considerando che il precedente proprietario della Volvo non avrebbe impedito il trasferimento tecnologico, il prestito fu erogato. Nel 2012, quando due piccoli produttori cinesi chiesero prestiti di importo molto inferiore per l’acquisto del gruppo svedese Saab, Pechino negò il permesso. Il precedente proprietario si era, infatti, opposto al trasferimento tecnologico, eliminando di fatto il principale motivo di interesse per l’acquisizione.

Da questi casi risulta dunque evidente che, sebbene le acquisizioni cinesi possano sembrare mosse spontanee e scoordinate, rientrano in realtà nel quadro più ampio di una strategia: devono, dunque, garantire le risorse necessarie all’industria o favorire l’acquisizione di nuove tecnologie, contribuendo alla costruzione dell’economia socialista di mercato della Cina.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->