lunedì, Aprile 12

Cina: ecco il primo parco a tema di realtà virtuale Di 134 ettari nella provincia sud-occidentale di Guizhou e con oltre 35 attrazioni.

0

Alla periferia di Guiyang, la capitale di una delle province più pevere di tutta la Cina, Ghizhou, nuove costruzioni si intravedono all’ orizzonte. Infatti Pechino sta costruendo il suo primo parco a tema di realtà virtuale, che dovrebbe essere inaugurato entro febbraio 2018, e che si estenderà per 134 ettari nella provincia sud-occidentale di Guizhou, promettendo ben 35 attrazioni di realtà virtuale, dai giochi sparatutto alle montagne russe virtuali.

 Il parco offrirà ai visitatori salti bungee da un enorme robot simile ad un Transformer e la maggior parte delle giostre utilizzerà occhiali per la realtà virtuale. «Ti senti come se fossi davvero lì. Questa è la nostra caratteristica principale», ha detto Qu Zhongjie, il manager del parco delle giostre.

Una vera e propria oasi per gli appassionati della realtà virtuale. 8,5 miliardi di dollari entro il 2020 è la stima di crescita del settore dell’ intrattenimento virtuale cinese.  «Dopo l’apertura della nostra attrazione, cambierà l’intera struttura turistica della provincia di Guizhou e del sud-ovest della Cina», ha dichiarato a Reuters l’amministratore delegato Chen Jianli.

«Questa è un’attrazione innovativa, solo perché è diversa» ha continuato Jianli. Il parco, costato ben 1,5 miliardi di dollari, di Oriental Science Fiction Valley, fa parte della spinta che la Cina sta dando allo sviluppo di nuovi stimoli incentrati su tendenze come il gioco, lo sport e la tecnologia d’avanguardia. E questo potrebbe avere degli effetti positivi sull’ economia delle aree più in difficoltà come Guizhou che sta sempre più attirando imprese come la Apple Inc, che ha localizzato il suo centro dati.

(Video tratto dal canale Youtube IBTimes UK)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->