giovedì, Aprile 22

Cina e mercato globale dopo 24 agosto? La Cina ha ancora il suo benchmark a livello mondiale?

0

Le scorte di denaro asiatico erano state smistate mercoledì dopo la decisione della Cina di tagliare il suo tasso di riferimento che non è riuscito a suscitare una manifestazione sostenuta a Wall Street, portando un altro giorno da brivido sui mercati cinesi di Hong Kong e su quello giapponese che era spesso in negativo.
In Cina il mercato del denaro in caduta continua come indice di Shanghai declina al 1,3%; altri mercati asiatici misti al Los Angeles Times languiscono nonostante il taglio del tasso delle azioni in Cina; l’Europa declina.
US Stock estende le perdite come prima e svanisce il benchmark della
 Cina, costituito dallo Shanghai Composite Index — fonte di molta angoscia durante questi giorni di volatilità — che è diminuito del 3,6 % nei primi scambi ma ha guadagnato di rimbalzo lo 0,8% a 2,988.76 dalla pausa di mezzogiorno. Il principale indice di borsa, il Nikkei 225 del Giappone è salito a 1,3 % a 18,032.65 mentre l’indice Hang Seng di Hong Kong procedeva incerto in su e giù, perdendo 0,3 % a 21,337.62.

I mercati hanno stato roteando per settimane come una pallina del flipper sopra il potenziale impatto del rallentamento della crescita in Cina, la seconda economia mondiale e il driver di gran parte della crescita globale nell’ultimo decennio.

I prezzi delle azioni in Cina in diminuzione e l’apparente incapacità delle autorità di regolamentazione non fanno stabilizzare i mercati, spaventando gli investitori fino a quando la Federal Reserve non alzerà i tassi di interesse.

L’Asia rimane l’epicentro dell’attuale instabilità del mercato afferma Evan Lucas di IG in un commento economico, notando che i timori di una ricaduta della crisi passate possono essere esagerati dalle paure dei sistemi finanziari più forti di oggi e riserve di valuta in tutta la regione.

Mercato” e “stabilità” verranno quindi da questa ragione in crisi — tuttavia la diapositiva in Cina e Giappone suggerisce questo sentimento dominante causato dall’azione dei prezzi e iper-fear trading è ancora in controllo, come egli stesso ha detto.

Altrove in Asia, le azioni australiane caduto 0,5 % di 5,110.50, ma Kospi della Corea del sud è aumentato 1,7 % a 1,877.89. Quote rosa in Taiwan, ma è caduto in Nuova Zelanda e la maggior parte del sud-est asiatico.

Durante la notte, una corsa in borsa USA evaporata pochi minuti prima della campana di chiusura martedì, ha inviato il Dow Jones industrial average giù a 204,91 punti, o 1,3 %, facendo perdere 15,666.44 e allungando a Wall Street la striscia negativa per sei giorni — il più lungo tratto negativo in più di tre anni.

Azioni US avevano registrato un’impennata dopo la tagliata i tassi di interesse cinese per la quinta volta in nove mesi in un rinnovato sforzo per puntellare la crescita. La Banca centrale ha anche aumentato la quantità di denaro disponibile per il prestito riducendo le riserve che le banche sono tenute a tenere.

Mercati globali hanno funzionato con le notizie da Pechino, con azioni europee arrampicata nettamente superiore, e per un po’ sembrava come se scorte degli Stati Uniti sarebbero seguire l’esempio e la svendita globale potrebbe interrompere. Il Dow Jones ha guadagnato quanto 441 punti il martedì prima di soccombere alla vendita appena prima della chiusura.

Dalla fine della giornata, la Standard & Poors 500 indice era giù punti 25,60, o 1,4 per cento, a 1,867.61 mentre il Nasdaq composite ha perso punti 19,76 o 0,4 per cento, a 4,506.49.
La banca di Cina popolare ha agito dopo l’indice di borsa di Shanghai si accasciò 7,6 per cento su martedì, sulla cima di una perdita di 8,5 per cento il lunedì.

Il rallentamento della Cina è stato la causa della crepatura della domanda di petrolio e altre materie prime, un effetto a catena che già sta rallentando le esportazioni e altre attività di business in tutta l’Asia.

Di là di Cina, gli operatori sono in attesa per chiarezza dalla Federal Reserve, che ha segnalato che potrebbe cominciare alzando il suo tasso di riferimento da vicino allo zero per la prima volta in quasi un decennio come presto come quest’anno. La Fed non è previsto per fornire un aggiornamento dei criteri fino a quando non esegue il wrapping di un incontro dei responsabili politici a metà settembre.

Altri trading: il petrolio o greggio USA è aumentato 26 centesimi a $39,57 al barile nel commercio elettronico sul New York Mercantile Exchange. È aumentato di $1,07 o 2,8 %, a $39,31 su martedì. Il Greggio Brent, che viene utilizzato per prezzo trading internazionale, ha guadagnato 19 centesimi al barile a $43,40.

Il dollaro è salito a 119,30 yen contro yen 118,66 tardi mercoledì. L’euro è scivolato a $1,1513 da $1,1524.

(tratto dal canale ‘Youtube’, caricato da ‘Press TV News’)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->