lunedì, Agosto 2

Cina e Germania, la politica del Panda

0

Non solo G20 per i grandi della terra e in particolare per i leader di Germania e Cina. Infatti ieri pomeriggio Angela Merkel e Xi Jinping si sono dati appuntamento allo zoo di Berlino per salutare due panda arrivati a fine giugno da Pechino.

Da giovedì prossimo Meng Meng (Piccolo sogno) e Jiao Qing (Tesorino) saranno visitabili dal pubblico del giardino zoologico. Nel 2012 era morto Bao Bao, l’ultimo panda cinese presente nel celebre zoo della capitale tedesca: in quel caso si era trattato di un regalo del governo di Pechino al cancelliere Helmut Schmidt nel 1980. Questi due panda invece sono dati solo in prestito. E cari costano: 1 milione di dollari al giorno. Perché ormai la politica è quella di non regalare più questi animali. E caro costa anche il recinto, almeno 10 milioni di dollari.

Nel patto tra Germania e Cina è previsto inoltre che, se i due panda avessero figli, la mamma dovrebbe rientrare nel Paese di origine appena terminata la sua funzione materna.

Da oggi però Berlino e Pechino possono tornare a parlare di questioni ben più serie ad Amburgo. Intanto ieri la cancelliera, parlando dei rapporti tra i due Paesi, ha detto: «In questo momento grave incertezza Germania e Cina possono dare un grande contributo alla stabilità». Chissà che non sia così.

(video tratto dal canale Youtube di Al Jazeera)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->